CS Vigilanza L.I.D.A.

CS Vigilanza L.I.D.A. Comunicato Stampa LIDA: GUARDIE ZOOFILE L.I.D.A.: DUE INTERVENTI SALVANO LA VITA AD UN GIOVANE RANDAGIO INVESTITO E LASCIATO AGONIZZANTE IN VIA F. PARRI E AD UNA CUCCIOLA DI CINQUE MESI PARALIZZATA, ABBANDONATA IN VIA CAVOUR.

27/ott/2010 07.47.45 Ufficio Stampa L.I.D.A. Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato Stampa LIDA:

 

 

 

 

GUARDIE ZOOFILE L.I.D.A. : DUE INTERVENTI SALVANO LA VITA AD UN GIOVANE RANDAGIO INVESTITO E LASCIATO AGONIZZANTE IN VIA F. PARRI E AD UNA CUCCIOLA DI CINQUE MESI  PARALIZZATA, ABBANDONATA IN VIA CAVOUR.

 

Grazie alle numerose segnalazioni di alcuni cittadini residenti in via F. Parri a Caltanissetta le Guardie zoofile LIDA, con la preziosa e puntuale collaborazione del Comando dei Vigili del Fuoco di Caltanissetta, hanno soccorso un giovane meticcio investito che presentava una vistosa lacerazione della coda con esposizione delle vertebre coccigee e notevole presenza di larve carnarie.

Per diverse ore molte persone avevano udito strazianti lamenti provenire dall’interno di un cespuglio in cui l’animale aveva trovato rifugio.

Dopo svariati ed inutili tentativi da parte della pattuglia dei VV.FF. intervenuta di allertare il canile convenzionato con il Comune di Caltanissetta per le operazioni di pronto soccorso su cani randagi feriti, i Vigili operanti contattavano il servizio di Vigilanza Zoofila della Lega Italiana per i Diritti dell’Animale che provvedeva così ad inviare due agenti sul posto. Le Guardie zoofile, anche ai sensi dell’art. 189 c. 9-bis del Codice della strada (obbligo soccorso animali feriti),  provvedevano così a farsi carico del recupero dell’animale nonché del suo trasporto d’emergenza con mezzi propri presso un ambulatorio veterinario privato, ove l’animale ha ricevuto le cure mediche del caso. La mattina seguente la L.I.D.A. ed il Comando dei VV.FF. comunicavano lo spiacevole episodio all’ufficio sanità del Comune di Caltanissetta che provvedeva così al trasferimento del cane presso il rifugio convenzionato Mimiani dove ancora oggi l’animale è ricoverato ed in cerca di un’adozione.

Di un crudele ed imperdonabile abbandono è invece stata vittima un'altra meticcia di cinque mesi abbandonata in un piccolo scatolo di cartone gettato vicino un bidone dell’immondizia in via Cavour a Caltanissetta. Alle Guardie zoofile intervenute l’animale si presentava febbricitante, paralizzato, fortemente deperito e disidratato. Condizione questa poi confermata dalla visita clinica subita presso un ambulatorio cittadino privato. Dopo tre giorni di ricovero la giovane cagnetta è stata dimessa ed affidata all’Associazione L.I.D.A..

 “La piccola sta lentamente recuperando forze - riferisce la volontaria Valentina Arcarisi - e, una volta completata la lunga terapia a base di  antibiotici ed integratori, ci preoccuperemo di trovarle una famiglia che possa farle dimenticare in fretta gli orrori vissuti per mano del suo aguzzino. Mi auguro che come in altri casi le indagini delle nostre Guardie zoofile possano condurre all’autore di questo vergognoso caso di abbandono e maltrattamento animale.”

 

Info:  334-2332583/335-7794237

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl