LA PADANIA 8 MAGGIO CHE AVVENTURA, DALLE...MARMORE A COLLELUNA

05/ago/2011 20.19.02 Chiliamacisegua Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

LA PADANIA 8 MAGGIO CHE AVVENTURA, DALLE...MARMORE A COLLELUNA

Canerie, canifici, canari. Cani, un tanto al chilo pro reddito!

Una gran cagnara serpeggia su e giù per l’Italia.

Dove portano quasi tutte le strade del randagismo, quasi tutti i can(i)ali degli appalti?

Ad un impero randagio dove vigono can(i)oni alquanto stravaganti. Perlomeno bizzarri!

E solleticano malevoli perplessità. E tanta, ma tanta rabbia!

La lente di ingrandimento di Stefania Piazzo oggi, rivela una Umbria che zitta zitta toma toma…… mostra accordi in disaccordo!

Tali da sollevare, per chi volesse esaminarli da vicino, un gran can can.

Buona lettura!

E come al solito, fatevi il sangue amaro.

Soldi nostri impiegati per menare il can per l’aia.

Soldi nostri circuiti da mani, leste a sottoscrivere contratti spot!

No, non si può più restare in religioso silenzio, ma urge sollecitare un assordante canaio!

Chiliamacisegua

www.chiliamacisegua.org

 

Toc toc Umbria. Il ministero della Salute bussa a Colleluna, canile di Terni. Gestito dalla cooperativa Alis, un passato recente di vendita di gadget sulla cascata delle Marmore, poi gestore del canile in associazione temporanea d’imprese con la Tecnovett che, a sua volta, gestiva il canile di Rieti, a sua volta chiuso dopo essere stato svuotato a colpi di adozioni e dopo una serie di interessanti ispezioni della Task Force e dell’Inps.

Allo stato attuale l’ultima visura camerale in nostro possesso alla voce “stato attività” ci fa leggere: “impresa inattiva”.

Domanda forse da profani o da disinformati. Come può proseguire un appalto il Comune di Terni con una società che risulterebbe non più operativa sul mercato? Garantisce e può garantire lo stesso il servizio in appoggio alla cooperativa? È subentrato un subbappalto?

Di Colleluna abbiamo già sentito parlare...

Dove eravamo infatti rimasti? Più o meno ad un anno fa, quando il nostro giornale diede per primo e da solo (sic) notizia dell’aggiudicazione ambiziosa e stravagante del canile di Terni da parte della cooperativa Alis con la Tecnovett (allora gestore del canile di Rieti) in associazione temporanea d’impresa alla coop.

Dove siamo arrivati oggi? Al ministero della Salute, appunto, che entra nel canile di Terni. Che setaccia a fondo e con dovizia carte, registri, attività. Che interpella chi doveva vigilare. Nulla si crea, nulla si distrugge e anche Colleluna- Tecnovett-Alis non sembrano sfuggire alla regola della fisica.

Le denunce abbondavano. Tanti gli interrogativi inquieti e oltre il limite della pazienza delle associazioni di volontariato e delle guardie eco zoofile che gravitavano attorno ad una sorta di situazione di vigilanza dormiente. Non accadeva nulla, “nonostante”………….”

 

“……….Può un’impresa in sonno avere in essere un appalto che cesserà nel 2022 come nel caso della Tecnovett con i 330 cani (sulla carta) che da Campobasso (grazie alla convenzione voluta dal delegato del sindaco, De Marco) sono stati trasferiti in una struttura a San Giuliano Milanese, al Santa Brera, ottenendone in cambio di fatto una “rendita” per 13 anni pari a un totale di un milione e 220mila euro (96mila euro l’anno), rendita ritenuta, si legge nella delibera di Campobasso «particolarmente vantaggiosa per questa amministrazione»?

Ancora una volta riappare la rete commerciale di imprese che si ramificano dal Molise all’Umbria, alla Lombardia. Per non dimenticare quel bando di gara della Comunità di Montepiano Reatino poi ritirato dopo le nostre inchieste e l’intervento conseguente del ministero, per dare in affitto la struttura di Rieti prima ancora di averla acquistata dall’allora titolare della Tecnovett. Un capolavoro.

Ma per l’Umbria questo è solo l’inizio. Dopo Colleluna, infatti, le ispezioni hanno bussato a Todi, gestione Roberto Cofani. Sull’inchiesta“Good morning Umbria ” dobbiamo porre l’1-continua.”

s.piazzo@lapadania.net

(85 - continua)

 

 VIAGGIO NELL’ITALIA BESTIALE a cura di STEFANIA PIAZZO

OTTANTACINQUESIMA PUNTATA

CHE AVVENTURA, DALLE...MARMORE A COLLELUNA

clip_image001

Ispezione della Task Force al canile di Terni. Apriti cielo

 

clip_image002

Iniziano i controlli nella terra di Alis e Tecnovett (inattiva)

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Chiliamacisegua è in campo ogni giorno, al tuo fianco.
Sostienila, offrile il tuo aiuto perchè possa aiutare gli animali maltrattati, prendendosene carico.
Grazie
Associati o fai una donazione
IBAN : IT59 U031 6501 6000 0011 0445 234
Intestatario del conto: Associazione Chiliamacisegua
DONAZIONI ANCHE CON PAYPAL : donazioni@chiliamacisegua.org
 

 

 

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl