Porti il cane dal veterinario? Sei un possibile evasore fiscale!

Porti il cane dal veterinario?

Persone Marco Meloni, George Orwell
Organizzazioni Agenzia delle Entrate
Argomenti fisco, zoologia, finanza

16/nov/2011 14.23.04 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Possedere un animale è come avere una Ferrari: le spese per il veterinario tra gli indicatori di ricchezza dell\`Agenzia delle Entrate.

Cani, gatti e conigli come come uno yacht o una Ferrari. Tra le sette categorie del nuovo redditometro sperimentale presentato dalla Agenzia delle entrate, compaiono anche le spese veterinarie per gli amici a quattro zampe. Diventate un lusso che solo i ricchi potrebbero permettersi.

Cani da compagnia non solo per ricchi - Parecchi anni fa certamente era così. I poveretti adottavano un cane solo se utile per la famiglia, come quelli da pastore, da guardia o da caccia. Se però fido era solo un animale da compagnia, allora quello sì, era visto come un lusso da nobili.
I tempi, però, sono cambiati. E ora non solo i ricchi guardano la tv accanto al barroccino.

Le tasse sugli animali - Il presidente dell\`associazione dei veterinari, Marco Meloni, ha denunciato le tasse che già gravano su chi possiede un animale da ! compagnia, come la riduzione delle detrazioni sulle spese veterinarie per cani e gatti e l\`Iva alle stelle sul loro cibo e sulle cure mediche. \"E\` l\`ennesima allucinazione del fisco nazioale - dice Meloni - un quadro visionario degno della ribellione descritta nella Fattoria degli animali di George Orwell\".





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl