Comunicato LAV. AGGREDITO VICEPRESIDENTE LAV: UN ALLEVATORE DI LODI TENTA DI BLOCCARE LA CAMPAGNA SULLO SCANDALO DELLE "MUCCHE A TERRA". DENUNCIATO PER LESIONI PERSONALI.

06/lug/2007 15.00.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicato stampa LAV 6 luglio 2007

 

AGGREDITOIL VICEPRESIDENTE DELLA LAV: UN ALLEVATORE, A LODI, TENTA DI BLOCCARE LACAMPAGNA LAV SULLO SCANDALO DELLE ILLEGALITA’ AI DANNI DELLE“MUCCHE A TERRA”. DENUNCIATO PER LESIONI PERSONALI.

 

Un allevatore quarantennedi Mulazzano (Lodi) ieri sera ha aggredito il Vicepresidente della LAV RobertoBennati all’ingresso di una sala del Comune di Lodi dove la LAV stava perdare inizio a una conferenza stampa per presentare un video-denuncia che documenta gravi illegalità compiute aidanni di mucche da latte a fine carriera (cioè giunte alla fine di un intensivociclo di produzione e sfruttamento) nel macello Calzi a Bertonico (Lodi), maanche in altre strutture in Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte.

 

L’allevatore,identificato e portato in Questura grazie all’intervento della Polizia diStato, è stato denunciato per lesioni personali: ha colpito il Vicepresidentedella LAV al collo e all’orecchio provocando lesioni guaribili in alcunigiorni. Ai fatti hanno assistito alcuni testimoni. L’aggressione non haperò impedito lo svolgimento della conferenza stampa che ha avuto luogoregolarmente.

 

“Questaaggressione è la drammatica testimonianza della barbara involuzione delproblema delle illegalità commesse ai danni delle mucche giunte a fineproduzione, documentate dalla LAV in alcuni allevamenti e macelli, e resepubbliche al fine di impedire nuove violazioni e garantire il rispetto dellanormativa in materia - dichiara RobertoBennati, vicepresidente della LAV - Da mesi, su questo temaregistriamo una netta ostilità da parte degli allevatori che difendono il lorotornaconto trascurando il benessere di animali ai quali la normativa riconosceuna sia pur minima protezione; animali provati da anni di sfruttamentoeconomico, e quindi fisico, in quanto animali ‘da reddito’, che cisi ostina a considerare oggetti e non esseri viventi”.

 

Ilvideo mostrato dalla LAV ieri a Lodi, documenta che gli animali sono statitrasportati in violazione dell'art.12 delDecreto Legislativo 333/98, relativo alla protezione degli animalidurante la macellazione o l’abbattimento, secondo cui “gli animaliferiti o malati devono essere abbattuti sul posto”, e inviolazione del decreto legislativo 532/92(modificato dal D.Lgs.388/98), relativo alla protezione deglianimali durante il trasporto, secondo cui devono essere "trasportati soltanto animali idonei asopportare il viaggio previsto" e gli animali gravemente malatio feriti non sono considerati idonei al trasporto. Il nuovo Regolamento (CE) n.1/2005 che dal 5 gennaio 2007 hasostituito il decreto legislativo 532/92 (modificato dal D.Lgs.388/98) harafforzato e specificato il divieto di trasportare animali non idonei (non ingrado di spostarsi autonomamente senza sofferenza o senza aiuto; in presenza diferite o prolasso), proibendo il ricorso a metodi coercitivi (calci, sollevareanimali per coda, orecchie, ecc.) e di arrecare lesioni o sofferenze inutilidurante il trasporto di animali idonei.

 

Lapratica di trasportare le “mucche a terra” (sono definiti così gli animalida latte a fine carriera che non riescono più a sostenersi per le fatiche e losfruttamento sopportato, il peso e/o l'età) ancorché vietata, è moltofrequente. Questo perché il trasporto dell’animale già morto neridurrebbe notevolmente il prezzo.

Negligli allevamenti visitati sono state raccolte testimonianze per cui le “mucche a terra” non vengono macellate osottoposte a eutanasia in azienda, bensì caricate su un camion e trasportate almacello, descrivendo i metodi per caricarle sui camion come segue:con l’ausilio della pala di un trattore o di un elevatore a forca;facendole rotolare su una piattaforma, che viene poi portata con un elevatore aforca dentro il camion, lasciando poi rotolare giù dalla piattaforma la mucca;sollevandole con due cinture fatte passare sotto l’animale, per spostarlopoi all’interno del camion. Tutte pratiche fuorilegge.

 

06/07/2007

LAV Lombardia: lav.lombardia@infolav.org cell. 320.4788075www.lav.lombardia.it

Ufficio Stampa LAV Sede nazionale 06.4461325cell. 339.1742586  www.lav.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl