Comunicato LAV. PALIO, CORSE ANNULLATE A MORLUPO (RM) E GRIZZANA (BO) IN SEGUITO A PROTESTE DELLA LAV. SIENA PESSIMO ESEMPIO.

PALIO, CORSE ANNULLATE A MORLUPO (RM) E GRIZZANA (BO) IN SEGUITO A PROTESTE DELLA LAV.

17/ago/2007 16.49.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa LAV 17 agosto 2007

 

PALIO,CORSE ANNULLATE A MORLUPO (ROMA) E GRIZZANA MORANDI (BOLOGNA) IN SEGUITO APROTESTE DELLA LAV: INCOLUMITA’ DI CAVALLI E SPETTATORI HAPRIORITA’ SU SPETTACOLO. SIENA E’ UN PESSIMO ESEMPIO.

 

Mentre il Palio di Siena siconferma la corsa delle cadute e degli incidenti mortali - con i suoi 48cavalli morti negli ultimi anni e i cinque fantini e un cavallo che, ieri,hanno perso l’equilibrio durante la competizione ad altissima velocità sull’inadattapiazza cittadina - altri Comuni, in seguito alle sollecitazioni dell’UfficioLegale LAV e agli attivisti della LAV di Roma e Bologna, hanno deciso diannullare le corse di palio perché pericolose per l’incolumità deglianimali, nonché del pubblico: è accaduto a Morlupo (Roma) e a Grizzana Morandi (Bologna),dove il 15 agosto scorso erano in programma, rispettivamente, il Palio deicavalli e il Palio degli asini.

 

“L’incolumitàdi animali e spettatori, e il rispetto della legge, deve avere la prioritàsulle esigenze di spettacolo e di business quando si organizza un palio: ladecisione assunta dalle Amministrazioni di Morlupo e Grizzana è da apprezzare -dichiara Roberto Bennati, vicepresidentedella LAV - Da questo punto di vista, invece, il Palio di Sienarappresenta un pessimo esempio perché, anche nella corsa di ieri, abbiamoassistito a pericolose cadute sulla piazza principale della città, dove negliultimi anni sono morti e rimasti feriti così tanti cavalli, a causa della follevelocità su un percorso inadatto e con pericolosissime curve a gomito, da rendereincomprensibile l’impunità di fatto garantita agli organizzatori: inItalia uccidere o maltrattare un animale è un reato, ma non se questesofferenze vengono inflitte a causa del Palio senese! Speriamo chel’esempio di Morlupo e di Grizzana sia seguito anche dalleamministrazioni dei numerosi altri Comuni che organizzano competizioni e festecon cavalli o altri animali”.

 

17 agosto 2007

Ufficio stampa LAV 064461325 - 3391742586 www.lav.it

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl