Comunicato. BIODIVERSITA', VIA LIBERA AL DECRETO DEL MINISTRO DELL'AMBIENTE SU RETE NATURA 2000.

24/set/2007 12.49.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

Animalisti italiani– ENPA - Italia Nostra – LAC – LAV – LIPU - VAS  -WWF

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

BIODIVERSITA’, VIALIBERA AL DECRETO DEL MINISTRO DELL’AMBIENTE SU RETE NATURA 2000. PREDISPOSTO UNO STRUMENTO DI TUTELA PER 2.870 SITI ITALIANI AD ALTO TASSODI BIODIVERSITA’. “DOPO ANNI DI RITARDI E INADEMPIENZE, UN FATTOSTORICO. ORA RAPIDISSIMA EMANAZIONE”.

Ilparere favorevole delle Regioni nello stesso giorno della doppia condannadell’Italia sulla mancata tutela della Rete”.

 

“Finalmente un vero passo avantiper la difesa della biodiversità in Italia!”. Così Animalisti italiani, ENPA, Italia Nostra, LAC, LAV, LIPU, VAS e WWFcommentano il parere favorevole espresso ieri sera dalla Conferenza StatoRegioni al decreto predisposto dal Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scaniosulle misure minime di tutela dei siti della Rete Natura 2000.

Il decreto stabilisce il sistema di protezione generale per i 2.870 siti della ReteNatura 2000, vale a dire i SIC (Siti di Importanza Comunitaria) e le ZPS (Zonedi Protezione Speciale), come previsto dalle Direttive Habitat e Uccelli, sulle cui basi le regioni predisporranno irispettivi provvedimenti attuativi. Per leZPS (Zone Protezione Speciale), in particolare, il decreto contiene numerose misure relative a molti settori tra cui agricoltura, impianti sciistici,eolico, elettrodotti, attività venatoria.

Un atto cheaspettavamo da anni e la cui mancanza non era più sostenibile, vistoil degrado di molti siti della Rete, viste le violazioni comunitarie e soprattutto vista la necessità di dareil via ad un’azione positiva, incisiva, per invertire la tendenza. Ilprovvedimento del Ministro e l’accordo trovato tra Governo e Regioniaprono potenzialmente una nuova fase nellepolitiche di difesa della natura e conservazione della biodiversità,per un Paese ricchissimo di specie, habitat e siti naturali ma bisognoso diregole certe e rispettate. In tal senso, il decreto Rete Natura 2000 è allorafondamentale anche perché riafferma lanecessità e l’importanza dell’impegno dello Stato nella tutela delsuo patrimonio ambientale , della fauna selvatica e nella promozione di ampi ed efficaci programmi di conservazione dellanatura.

“E’ peraltro indicativo che il via libera al decretosia arrivato proprio nel giorno in cui la Corte di Giustizia europea abbia inflitto una doppia condanna all’Italia perl’insufficiente protezione di due siti importantissimi quali le ZPS delloStelvio, in Lombardia e delle Steppe Pedegarganiche, in Puglia. Anchea questo dovranno dunque servire il decreto e la sua corretta applicazioneterritoriale: dare effettiva protezione alle aree naturalistiche di importanzacomunitaria, evitando inoltre all’Italia e ai suoi cittadini lesostanziose multe dell’Unione.

Ora dunque l’emanazionedel decreto: sia dunque rapidissima, così come solerti e puntuali siano i provvedimenti regionali direcepimento”.

 

24 settembre 2007

 

UFFICIO STAMPA LIPU-BIRDLIFE ITALIA Tel. 0521.19107-06 340.3642091 – ufficiostampa@lipu.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl