Comunicato stampa LAV, "Cani pericolosi": non più persecuzioni ma prevenzione e responsabilità. LAV: Ministro Salute riveda bozza DdL.

LAVESULTA: MINISTRO DELLA SALUTE ORA DEVE RIVEDERE LA BOZZA DI DISEGNO DI LEGGE.

10/ott/2007 16.49.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa LAV 10 ottobre 2007

 

“CANIPERICOLOSI”, VOTATA RISOLUZIONE DELLA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI DELLACAMERA: NON PIU’ PERSECUZIONI, PERALTRO INUTILI, MA PREVENZIONE ERESPONSABILITA’ CHIARE CON TUTELA DEGLI ANIMALI.

LAVESULTA: MINISTRO DELLA SALUTE ORA DEVE RIVEDERE LA BOZZA DI DISEGNO DI LEGGE.

 

 

E' stata approvata oggiall'unanimita' in XII Commissione Affari Sociali alla Camera la Risoluzionefirmata da Donatella Poretti e altri 21 deputati coordinatidall’Intergruppo Parlamentare Animali che vincola il Governo ad un nuovoapproccio sul problema della aggressività dei cani, con particolare riferimentoalla responsabilizzazione dei proprietari e contro la criminalizzazionedell'animale a priori, decisa soltanto in base alla sua razzad’appartenenza.

 

Esulta La LAV “il Ministro della Salute Turco ora deve rivedere lasua bozza di Disegno di Legge, per la quale il Tavolo tecnico istituito non èstato mai chiamato ad esprimere un parere, riscrivendola alla lucedell’impegno parlamentare unanime al Governo”.

 

Per la Risoluzione appenavotata, quindi, la nuova normativa sui cani pericolosi dovrà prevedere attivitàutili a:

a) definire laresponsabilità del proprietario e/o del detentore del cane inriferimento, in primis, a principi quali: la scelta della tipologia del cane, l'educazionedata al cane e la sua mancata sottoposizione ad un intervento correttivo oterapeutico qualora abbia presentato le manifestazioni di un comportamentoalterato rispetto a quello socialmente accettabile nel contesto dove vivrà;

b) fare in modo che le aziendesanitarie locali distinguano, nel caso di morsicatura, tramorsicature avvenute come parte del normale repertorio comportamentale dellaspecie canina giustificabile in un determinato contesto senza lesioni gravi emorsicature frutto di una alterazione del normale comportamento nel contestospecifico con lesioni gravi o con il rischio di future lesioni gravi;

c) graduare la responsabilità delproprietario e/o del detentore in considerazione del fatto che lapersona è il primo acquisitore dell'animale, o se ne è entrato in possessosuccessivamente per motivi assistenziali o di rieducazione comportamentale;

d) diffondere un'adeguatainformazione tra coloro che si accingono ad acquisire a qualunquetitolo un cane circa le caratteristiche dell'animale, tra le quali: ilbenessere, la salute, l'educazione, la prevenzione dei problemicomportamentali, le esigenze di vita le normative in vigore e gli altri fattorida tenere in conto per una scelta consapevole in considerazione anchedell'ambiente in cui il cane sarà inserito;

e) superare il criterio delle razzenell'individuazione dei cani aggressivi e, allo stesso tempo, ricercare unasoluzione stabile e non d'emergenza, come quella delle ordinanze fin quiemanate ricercando criteri oggettivi nell'individuazione del cane pericoloso;

f) individuare le professionalitàin grado di affrontare un intervento correttivo terapeutico di medicinacomportamentale;

g) confermare, come da premessadell'Ordinanza del 28 marzo 2007, il divieto di taglio di code e orecchieai cani per fini estetici nonché la detenzione, la vendita e l'uso di collari o altri dispositivi elettrici;

h) affermare l'esclusività dellacompetenza del Ministero della salute sulla materia a tutela dellasalute pubblica e per il benessere degli animali;

i) vietare qualsiasi esibizione,gara, addestramento intesi a esaltare la naturale aggressività o potenzialepericolosità di cani;

l) ristabilire il reatoprevisto, prima delle modifiche apportate dall'articolo 33 della legge didepenalizzazione del 24 novembre 1981, n. 689, nei casi di contravvenzione exarticolo 672 del Codice penale (rubricato: «Omissione di custodia e malgovernodi animali»), confermando le misure previste dal Regolamento di poliziaveterinaria contenuto nel decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio1954, n.320.

m) promuovere un accurato monitoraggio in merito alfenomeno del randagismo, della gestione dei canili e degliallevamenti con particolare attenzione all'applicazione della normativanazionale in ambito locale”.

 

La LAV ringrazia, infine,i firmatari della Risoluzione, gli Onorevoli: Donatella Poretti (La Rosa nelPugno), Claudio Azzolini (Forza Italia), Franca Chiaromonte (Ulivo),GianniMancuso (Alleanza Nazionale),Bruno Mellano (La Rosa nel Pugno), Angelo Alessandri(Lega Nord), Gioacchino Alfano (Forza Italia), Emerenzio Barbieri (Udc), MarcoBoato (Verdi), Luigi Cancrini (Comunisti Italiani), Fiorella Ceccacci (ForzaItalia), Salvatore Cicu (Forza Italia), Grazia Francescato (Verdi), PasqualinoGiuditta (Udeur), Giorgio Lainati (Forza Italia), Chiara Moroni (ForzaItalia) , Tommaso Pellegrino (Verdi), Dario Rivolta (Forza Italia),Emanuele Sanna (Ulivo), Giuseppe Trepiccione (Verdi), Luana Zanella (Verdi),Hans Widman (Misto/SVP).

 

 

10.10.2007

Ufficio stampa LAV06.4461325 – 329.0398535                                               www.lav.it

 

 

________________________________________________

 

LAV Onlus
Via Piave, 7 - 00187 Roma
Addetta Stampa
Barbara Paladini
tel. 064461325 - 329.0398535 - fax 064461326
stampa@infolav.org
www.lav.it

 

A breve il mio indirizzo e.mail cambierà in stampa@lav.it.
Aggiorna la tua rubrica, grazie.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl