Comunicato LAV. BOLZANO, SEQUESTRATA PENSIONE-ALLEVAMENTO DI CANI PER MALTRATTAMENTO E ABBANDONO. LAV SARA' PARTE CIVILE, ORA ANCHE AGGRAVANTE DELLA MORTE DI UN CANE.

LAV SARA' PARTE CIVILE, ORA ANCHE AGGRAVANTE DELLA MORTE DI UN CANE.. Comunicato stampa LAV 10 gennaio 2008 PENSIONE-ALLEVAMENTO DI CANI SEQUESTRATA A BOLZANO PERMALTRATTAMENTO E ABBANDONO DI ANIMALI, GRAZIE A SEGNALAZIONE DELLA LAV CHEANNUNCIA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE: ORA C'E' ANCHEL'AGGRAVANTE DELLA MORTE DI UN CANE.

10/gen/2008 09.30.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

.

 

Comunicato stampa LAV 10 gennaio 2008

 

PENSIONE-ALLEVAMENTO DI CANI SEQUESTRATA A BOLZANO PERMALTRATTAMENTO E ABBANDONO DI ANIMALI, GRAZIE A SEGNALAZIONE DELLA LAV CHEANNUNCIA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE: ORA C’E’ ANCHEL’AGGRAVANTE DELLA MORTE DI UN CANE.

 

LaLAV si costituirà parte civile nel procedimento contro C.G., titolare della pensionee allevamento di cani di San Genesio (Bolzano), nota con il nome “Deigrandi boschi”, sequestrata dalla Procura della Repubblica di Bolzanodopo la recente denuncia dei Servizi veterinari provinciali per il reato dimaltrattamento e abbandono di animali, avvenuta in seguito ad un sopralluogosollecitato dalla LAV che aveva raccolto lamentele relative al trattamentoriservato ai cani.

 

LaLAV auspica la confisca definitiva degli animali e la loro restituzione ailegittimi proprietari o, laddove non fosse possibile, si rende disponibile acurare l’adozione dei cani.

Lastruttura è stata posta sotto sequestro in seguito al ritrovamento, avvenuto loscorso dicembre, di tre cani, un labrador e due rottweiler, denutriti ecostretti nella sporcizia, probabilmente senza cibo da settimane, e non ingrado di reggersi sulle zampe. Il loro stato era tale che nonostante le cureprestate, i veterinari non sono riusciti a salvarne uno, un rottweiler,deceduto il primo gennaio per denutrizione e disidratazione.

 

Questosequestro, avvenuto su disposizione del Gip Silvia Monaco, rappresenta unimportante risultato per questi animali e per la LAV, che da oltre due annisegnalava le drammatiche condizioni in cui erano tenuti gli ospiti dellapensione: “finalmente i controllidell’Ufficio veterinario provinciale hanno evidenziato la situazione didegrado e abbandono dei cani, consentendo di mettere fine alle loro sofferenzecommenta Ester Valzolgher, della LAVdi Bolzano - E’ la primavolta, nella nostra Regione, cheun sequestro per maltrattamenti e abbandono di animali, ora purtroppo conl’aggravante dalla morte di un cane, riguarda una struttura adibita adallevamento e pensione di animali; chiediamo che il responsabile sia punito inmaniera esemplare, e che gli sia impedito per il futuro, di intraprenderequalsiasi tipo di attività o iniziativa che coinvolga animali”.

 

LaLAV ricorda che l’abbandono di animali è un reato punito conl’arresto fino a un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro(articolo 727 del Codice penale); il maltrattamento di animali (art. 544 terdel Codice penale) è punito con la reclusione da tre mesi a un anno o con multada 3.000 a 15.000 euro e la pena è aumentata della metà se dai fatti deriva lamorte dell’animale.

 

10gennaio 2008

LAVBolzano tel. 349/0744252 lavbolzano@libero.it

Ufficiostampa LAV Sede nazionale tel. 064461325 - 3391742586 www.lav.it

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl