Comunicato LAV. CARNE RITIRATA DA MERCATO USA, LAV: PROBLEMA ANCHE ITALIANO, 40 TONNELLATE DI CARNE DA RITIRARE, 30ML ANIMALI A RISCHIO. GRAZIE A INVESTIGAZIONI LAV OGGI INIZIA PROCESSO A PAVIA

19/feb/2008 14.10.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

Comunicato stampa LAV 19.2.2008

 

CARNE RITIRATA DA MERCATO USA EBOVINI MALTRATTATI, LAV: FENOMENO DRAMMATICAMENTE DIFFUSO ANCHE IN ITALIA:30MILA ANIMALI NON DEAMBULATI E 40 TONNELLATE DI CARNE DOVREBBERO ESSERERITIRATI DAL MERCATO. PROCESSO A PAVIA. UE E ITALIA METTANO FINE A QUESTAVERGOGNA, A TUTELA ANCHE DEI CONSUMATORI.

 

La notizia delle 65mila tonnellate di carne ritiratadal mercato degli Stati Uniti perché potenzialmente dannose per i consumatori eprovenienti da bovini maltrattati, torturati e probabilmente malati, non è perl’Italia un fenomeno sconosciuto o semplicemente lontano da un punto divista geografico: “la vergogna deltrattamento violento riservato in Italia alle mucche “a terra”(sono così definite le mucche “da latte” giunte a fine del cicloproduttivo, che non riescono più a sostenersi per le fatiche e lo sfruttamentosopportato) è una realtà drammaticamente diffusa nel nostro Paese, con oltre30mila “mucche a terra” - dichiaraRoberto Bennati, vicepresidente della LAV - E al pari degli StatiUniti mette sotto accusa l’industria della carne che, oltre a porre inessere violazioni gravissime sugli animali provocando ogni tipo dimaltrattamento, immette sul mercato carni di animali gravemente malati.”

 

L’investigazione dell’Associazionestatunitense, che ha documentato gravi maltrattamenti ai bovini negli StatiUniti, ha costretto la USDA americana a chiudere le strutture in cui sono statidocumentati i maltrattamenti. In Italia i mattatoi oggetto di investigazione da parte di LAV e Animals Angels,continuano a macellare animali non deambulanti e a mettere in vendita le carnidi questi animali. La LAV ha denunciato per maltrattamenti alcuni mattatoi delnord Italia: dopo l’emanazione di un decreto penale di condanna, proprio oggi è iniziato a Pavia il processo a caricodei titolari del macello Melca. Altri processi sono attesi a Cuneo, a carico didue strutture, mentre a Mantova sono in corso indagini delle forzedell’ordine.

 

“Le istituzioni nazionali ed europeepongano fine a questa vergogna e, da subito, vietino il commercio di questacarne - sottolinea Roberto Bennati- Il trasporto di questi animali è già vietato, ma i controlli sonopraticamente inesistenti. In Italia dovrebbero essere ritirate oltre 40tonnellate di carne l’anno derivanti dalla macellazione di 30mila animalinon deambulanti. Ci domandiamo da chi siano consumate queste carni messe incommercio. I cittadini dovrebbero sapere che le associazioni degli allevatori el’industria della macellazione continuano a sostenere la macellazione dianimali non deambulanti, in barba alla legge, alla salute dei consumatori eovviamente all’etica. Ci domandiamo se i consumatori sarebberocontenti di sapere che in Italia è possibile mangiare carne di animali nondeambulanti, carni che negli USA non possono essere messe in commercio a causadelle sofferenze costate agli animali e per il rischio di trasmissione dimalattie all’uomo”.

 

Disponibile videoLAV: “Investigazione su mucche a terra - Italia”

 

19.2.2008

Ufficio Stampa LAV 064461325 - 339 1742586 www.lav.it

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl