European Consumers: "Tutti in piazza l'8 novembre per fermare lo scempio degli allevamenti lager di animali da pelliccia"

European Consumers: "Tutti in piazza l'8 novembre per fermare lo scempio degli allevamenti lager di animali da pelliccia" European Consumers è pronta a tornare in piazza per difendere il diritto degli animali a non diventare pelliccia.

30/ott/2008 12.41.56 European Consumers Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

European Consumers è pronta a tornare in piazza per difendere il diritto degli  animali a non diventare pelliccia.  La confederazione di associazioni guidata da Vittorio Marinelli aderisce all'appello lanciato dall'OIPA Italia – Organizzazione internazionale Protezione animali – per la chiusura degli allevamenti di animali da pelliccia.
 
L'OIPA Italia ha organizzato per l'8 novembre, a Roma, una manifestazione nazionale per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'urgenza di una legge che vieti l'allevamento di animali da pelliccia. L'appuntamento è previsto per le 14.30 in Piazza della Repubblica: da qui partirà un corteo  che attraversando il centro della città terminerà in P.zza Venezia, dove da un palco prenderanno la parola i rappresentati delle associazioni coinvolte.
 
Anche European Consumers non mancherà di far sentire la sua voce a questo importante appuntamento; il suo presidente, Vittorio Marinelli, si batte da sempre per i diritti degli animali, tanto da ricevere nell'aprile 2008 l'investitura pubblica della LAV (Lega antivivisezione) come primo tra tutti i candidati al comune di Roma per l'impegno profuso nelle battaglie a favore degli animali.
 
Marinelli ha affermato: "Lo striscione di Euopean Consumers sarà srotolato in piazza, ancora una volta, per difendere i nostri migliori amici, ovvero gli animali. Vogliamo dire basta alle barbarie compiute  in allevamenti – o forse è meglio chiamarli lager – che non considerano minimamente le esigenze naturali di un essere vivente. Barbarie che, come al solito, vengono  perpetrato quasi solo ed esclusivamente in Italia: infatti in moltissimi paesi dell'Unione Europea è proibito l'allevamento di qualsiasi specie di animali da pelliccia"
 
"È ora – ha concluso Vittorio Marinelli – che anche l'Italia regolarizzi a norma di legge una materia così sensibile e che, non ci dimentichiamo, investe i diritti di esseri viventi quali sono gli animali. Proprio per questo noi di European Consumers aderiamo alla manifestazione dell'otto novembre pronti a consegnare al Parlamento le decine di migliaia di firme che raccoglieremo per chiedere la chiusura degli allevamenti di animali da pelliccia".
                                                                     
--
European Consumers
Addetto stampa
Guido Petrangeli
328.6228894
press.euconsumers@gmail.com
http://www.europeanconsumers.it/

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl