La storia del canile di Mirabello Sannitico (Campobasso)

A questo rifugio, non si sa per quale motivo, ma la Sig.ra Romano asserisce che il comune pagherebbe la bellezza di 2.4 euro a cane!

13/nov/2008 14.35.14 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il canile nasce nel 1991 per tenere i cani della Signora Romano che all\`epoca erano 15. Comprò il terreno ma subito dopo iniziarono gli abbandoni di cani davanti alla sua proprietà. Diventa canile vero e proprio solo nel 1999.
Lo ha costruito da sola, box dopo box, a sue spese mano a mano che aumentava il numero dei cani. Dai 15 cani iniziali é arrivata oggi ad averne 750.
I comuni che portano i cani in questo canile sono ufficialmente 3, ma anche altri piccoli comuni della zona glieli lasciano.
I 3 comuni principali sono: Campobasso (il servizio veterinario della Asur porta i cani direttamenti lì), Ferrazzano e Oratino. Per quanto riguarda quest\`ultimo comune é il Segretario comunale a portarle i cani personalmente.
Il Comune di Ferrazzano paga solo 0.19 Euro a cane in mangime. Cioé manda 80 sacchi di crocchette al mese.
Il Comune di Campobasso paga 0.37 Euro a cane, diviso tra mangime e denaro contante, manda 94 sacchi di crocchette ogni 10 gg. ma i ! soldi non li manda più da 7 mesi.
Il comune di Oratino ha pagato in 4 anni Euro 1400 in totale. Cioé 700 euro le sono stati dati subito 4 anni fa all\`entrata dei primi cani di questo comune, poi gli altri 700 Euro sono stati mandati un mese e mezzo fa circa dal Commissario Prefettizio.
Comunque sia tutti e tre i comuni in questione risultano inadempienti allo stato attuale
Il Comune di Campobasso ha in totale 1350 cani randagi. Se si considera che ha circa 51000 abitanti, significa che ogni cittadino dovrebbe mantenere circa 38 cani randagi!!! Tanto per fare un esempio la nostra città Osimo (An) ha solo 61 cani randagi su una popolazione di 30000 abitanti. Ciò significa che a Campobasso ma diciamo in tutto il Molise, non esiste una politica di prevenzione e lotta al randagismo, sterilizzazione delle femmine, nè adozioni di cani dai canili, o controlli a tappeto sui cani dei privati affinché vengano microchippati.
Di questi 1350 cani randagi del Comune di C! ampobasso, 550 sono ospiti del canile della Sig.ra Romano, 600 stanno al canile comunale di cui la signora Romano dice essere un canile con molti problemi, altri 100 sono stati affidati dallo stesso comune ad un rifugio situato a Ripamolisani (verrà sequestrato in data 4 agosto 2008) anche questo con grossi problemi. A questo rifugio, non si sa per quale motivo, ma la Sig.ra Romano asserisce che il comune pagherebbe la bellezza di 2.4 euro a cane!
I restanti 200 cani circa si trovano nell\`ex mattatoio gestito da una signora come la Romano che li sfama come meglio può, ma che stenta ad andare avanti.
Questo tanto per darle un\`idea della situazione attuale riguardo il randagismo, ma é una situazione che riguarda un po\` tutto il Molise anche la provincia di Isernia.
Comunque, ritornando a questo canile, la Asur competente di zona é la numero 3 e si chiama ASREM. Il Dirigente del Servizio Veterinario é il Dott. Niro Angelo.
La Asrem ha sterilizzato i cani per un anno e da 9 mesi ad oggi é ferma perché il Comune di Campobasso no! n ha più soldi per pagare i veterinari. La Asrem non li ha MAI Vaccinati, lo ha sempre fatto la Sig.ra Romano a sue spese, ma ora ha smesso perché non ha più soldi neanche per dar loro da mangiare.
Li ha sempre curati con i suoi soldi. I cani malati di Leishmaniosi sono circa il 30% del totale e la ASREM non sta facendo niente anche se si tratta di una zoonosi, cioé una malattia trasmissibile agli uomini.
Il canile non ha un\`autorizzazione sanitaria in quanto risulta abusivo ma il servizio veterinario della ASREM e i vari comuni continuano a portarle cani e a scaricarli lì davanti al cancello.
Il Sindaco di Campobasso Giuseppe di Fabio conosce benissimo la situazione ma non fa niente.
Il Presidente della Provincia si chiama Nicolino D\`Ascanio. La Sig.ra Romano andò a parlarci circa 3 mesi fa e lui le disse che non ne sapeva niente dei suoi problemi e le promise un piccolo contributo (Euro 1500) che però fino ad oggi non é mai arrivato.
Il Presidente d! ella Regione Molise é Michele Iorio e conosce benissimo tutta la situa zione ma non fa niente.
Il Prefetto é nuovo, é arrivato circa un mese fa e ha detto che convocherà i Sindaci (messo sotto pressione dalla Sig.ra Esposito del NIRDA).
Il vecchio Prefetto Dott. Palmieri, aveva chiesto alla ASREM di fare le sterilizzazioni, che però non sono mai state fatte!
I cani ultimamente stanno morendo di fame e di malattie specie di leishmania perché non vengono curati.La struttura é totalmente fatiscente, i cani sono ammassati dentro box di fortuna. Le adozioni sono rarissime non più di 3/4 cani l\`anno.
I cani sono tutti microchippati tranne i cuccioli appena nati. E\` l\`unico servizio che fa la ASREM, obbligata dai comuni. Moltissimi cani vengono abbandonati davanti al canile.
La nostra associazione ha ricevuto l\`appello disperato della Sig.ra Romano agli inizi di dicembre. I cani non avevano niente da mangiare e morivano uno dietro l\`altro, la neve aveva fatto crollare i tetti di alcuni box. La Signora non avendo soldi neanche ! per pagare qualche operaio era costretta a fare tutto da sola e ovviamente non ce la faceva.
Abbiamo messo subito in piedi una catena di solidarietà tra le varie associazioni della zona e di altre parti d\`Italia per poter raccogliere cibo, cucce, medicinali e denaro come piccolo aiuto per questi poveri animali.
Ma non basta, le singole donazioni non possono da sole risolvere una situazione di assoluto degrado come questa. Urge assolutamente l\`intervento delle Istituzioni che sono obbligate a prendersi carico del problema e a risolverlo.
Primo fra tutti la lotta al randagismo, oltre che la messa a norma di tutti i canili, non solo a Campobasso ma in tutto il Molise.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl