Pavia, Inferno o Paradiso nel civile Nord

«Ma qui si sappia - si legge nel servizio di Chiara Riffeser - gli animali sono letteralmente trattati coi guanti.

23/nov/2008 15.17.17 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Un altro viaggio nei canili amati o contestati.
Testimonianze giornalistiche e referti veterinari.
Nel mezzo loro, i cani che “parlano”.
Una sola realtà. Due versioni dei fatti. Corre l’obbligo di riportarli entrambe. Per il titolare del canile la Pandina, a Villanterio, le cose stanno così. Da La Provincia Pavese del 10 settembre 2008: «In pochi mesi ben 26 comuni della zona ci hanno regalato la loro fiducia convenzionandosi con noi. Il segreto? Amare veramente gli animali». «Ma qui si sappia - si legge nel servizio di Chiara Riffeser - gli animali sono letteralmente trattati coi guanti. Tra i cinquemila metri quadrati ci sono celle riscaldate e, addirittura, l’idromassaggio in fase di lavaggio». Poi aggiunge Rino Schiavini: «Noi abbiamo deciso di affidarci ai volontari dell’Enpa di Lodi e Pavia con cui abbiamo stabilito un accordo». Un marchio doc. «Insomma - prosegue La Provincia - qui si è ottenuta la quadratura del cerchio: e ne beneficiano anche gli stess! i animali». La Pandina, un’oasi, un paradiso. Magari ce ne fossero altre.
Così parlò il gestore del canile. Così parlò il quotidiano di Pavia.
Poi c’è un’altra versione, quella di alcuni referti veterinari che dipingono questo angolo pavese sotto un’altra prospettiva: l’inferno anche al Nord. Non serve andare lontano, scorrere le immagini dei canili tristemente noti di Ripalimosani, di Rieti, di Campobasso: basta andare a Pavia, sembra ti suggeriscano. Cani dalla magrezza impaurita, dagli occhi scavati e sgomenti, mortificati nel corpo e nell’anima, morti per malattia e incomprensibili trascuratezze veterinarie. Il maltrattamento, che è spesso lasciare indifferenti il cane al proprio destino, è un fenomeno trasversale, non guarda in faccia la geografia ma solo la coscienza umana.
Ecco le storie di Gullit, di Oro, di Brando, di Sisso, di Pippo, emblema di un modo di essere considerati cani il cui vivere è sancito da una convenzione e da una retta giornaliera! versata dai comuni.
Alcuni di loro sono morti di filaria, il para ssita che occupa il cuore, le arterie e strangola la vita lentamente come un tumore bianco e sottile. A Pavia, nella bassa padana umida e fluviale, la filariosi è la leshmania del Nord. Senza profilassi, ti salva solo la fortuna. Altrimenti sai che muori con un verme che come un pitone si avvita al cuore ed entra strisciante nell’autostrada del sangue. Un’impiccagione progressiva.
Come è possibile che sia accaduto proprio a la Pandina, a Villanterio? Incomprensibile, impossibile. La Pandina è modello di eccellenza ed efficienza.
Ecco i referti sanitari. Gli aggettivi, i sostantivi dei veterinari, professionisti che rispondono ad un Ordine professionale, non hanno bisogno di commenti.
Pietro Baldi, veterinario in Vigevano, nel dicembre 2007: «In data odierna ho visitato un incrocio spinone di nome Gullit, di era apparente 3 anni, che presenta atrofia muscolare, marcata da inanità, magrezza e infestazione da endoparassiti. Il soggetto presenta disorientamento p! sicologico in fase depressiva». La testimonianza dell’adottante è più forte ma non la riproduciamo. Basta il referto.
Questa è la storia di Brando, in canile dal 2003, adottato nel maggio 2008. Dal referto di Alessandra Scorza, veterinario in Alessandria: «Il cane di nome Brando appena adottato presenta difficoltà respiratorie sotto minimo sforzo». Ricoverato il 3 giugno dopo ripetuti episodi di sincope vengono effettuati approfonditi esami: il test filaria sierologico è positivo ad alto titolo. Viene riscontrata «insufficienza cardiaca destra e grave ipertensione, troncatura dell’arteria polmonare». L’esito degli esami della dottoressa Simona Morini è impietoso: viene riportato in clinica il 18 giugno per una grave crisi respiratoria. Brando morirà il 26 giugno. Di filaria.
Il 5 gennaio 2008 è la volta dell’adozione di Pippo. La testimonianza è cruda, ma non la riportiamo. Tranne un dettaglio: «È stato consegnato senza un libretto sanitario». Sicuramente una s! vista dell’oasi canile. Pippo si addormenterà per sempre il 25 giugno 2008. Libero. Riportiamo invece questo: «Se ne è andato dopo solo 6 mesi di libertà, era vecchio, ammalato e stanco già ai primi di gennaio di quest’anno quando ha lasciato per sempre il canile dove ha vissuto la maggior parte dei suoi 14 anni».
Questa è la storia di Oro. È il 1 marzo 2008. Tossisce senza sosta, racconta chi lo aveva adottato. La testimonianza non la riportiamo. Ma questo sì: l’8 ottobre 2008 la padrona racconta che «purtroppo la filaria lo sta mangiando ma lui è felice. Solo 5 mesi di felicità e 10 anni da incubo. Quando l’ho tirato fuori speravo di regalargli almeno 3-4 anni di vita, invece dopo 5 mesi la malattia lo sta uccidendo».
Questa è la storia di Sissi. Il veterinario Baldi che lo visita il 7 gennaio 2008 dopo l’adozione certifica la sua «magrezza eccessiva». E consiglia immediata sverminazione e il «miglioramento dell’alimentazione». Il cane è pieno di parassiti. Ma c’è una sorpresa. Sissi è Sisso. Per chi gestiva il canile era una fe! mmina. D’altra parte l’’Asl di Pavia ne era proprio convinta. Nel certificato di iscrizione all’anagrafe canina il sesso dichiarato è quello femminile. Sicuramente una svista, un errore in buona fede, con tutti quei cani da seguire... Non facciamone un dramma.
Questa è la storia di Biba, un capitolo tutto a parte. È il 22 febbraio 2008. La signora A.R. si reca in canile per adottare Biba. Il veterinario Asl conferma che il cane è adottabile. Ma non per il gestore, che lo dichiara già “prenotato” telefonicamente. Ci volle l’intervento del maresciallo dei carabinieri per consentire alla signora di adottare Biba. Naturalmente l’episodio fu una casuale incomprensione, un equivoco. A la Pandina, infatti, le porte sono sempre aperte, i cani attendono felici nuovi padroni: un passaggio indolore da un paradiso all’altro.

s.piazzo@lapadania.net





Altre notizie s ul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl