Varese - Scoperto dai Nas il canile lager. A Gornate la tratta dei cuccioli

07/dic/2008 12.55.17 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Denunciata una coppia di coniugi: importavano illegalmente dall\`Est gli animali e li rivendevano. Sequestrati 144 cani per un valore di 150 mila euro.
Importavano in maniera illegale, dall\`Ungheria e dalla Slovenia, cani di razza - tra cui molti cuccioli - per poi \"nazionalizzare\" gli animali e rivenderli in Italia ad un prezzo dieci volte superiore a quello pagato nei Paesi di origine. Una catena - lungo l\`asse che collega l\`Est Europeo alle campagne varesine - spezzata dai carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Milano che hanno posto fine alle attività illecite di due coniugi, titolari di un allevamento di Gornate Olona, e di due medici veterinari, liberi professionisti.
Gli uomini dell\`Arma hanno sequestrato il canile dove si trovavano 144 cani di età, sesso e razze diverse per un valore 150.000 euro, oltre a farmaci e dispositivi medici detenuti illecitamente. L\`intervento dei militari ha portato alla denuncia della coppia di gestori in con! corso con i due medici veterinari per reati di una certa gravità. Si va dal maltrattamento di animali - i cani erano tenuti in condizione di grave prostrazione sia all\`interno della struttura sia durante il trasporto dall\`Est europeo - all\`esercizio abusivo della professione di medico veterinario; dalla truffa e frode in commercio, alla falsità in certificati sanitari e di iscrizione all\`anagrafe canina contenente falsi dati attinenti alla nazionalità e l\`applicazione di microchip identificativi, all\`importazione illegale di animali da nazioni straniere.
Per commercializzare gli animali come italiani, i denunciati procedevano alla distruzione del passaporto originale e all\`apertura di un libretto sanitario nazionale ricorrendo anche a pratiche violente e crudeli per i cuccioli. La pulitura e nazionalizzazione della provenienza dei cani, infatti, ha visto pure il ricorso a incisioni chirurgiche per asportare il microchip estero inserito sottopelle. Attualmente i 1! 44 cani posti sotto sequestro - 137 il 22 ottobre, altri 37, l\`8 nove mbre scorso, tutti di giovanissima età - sono ancora ricoverati presso il canile di Gornate Olona: al loro dissequestro verranno affidati ad altre strutture che l\`Enpa cercherà sul territorio.






Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl