Positano - Norme per i cani, interviene la Lega

09/dic/2008 11.15.07 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Vico Equense - Il suolo pubblico o di pubblico accesso (strade, marciapiedi, portici, piazze, zone verdi, zone attrezzate per bambini, ecc.), a causa dell´incuria dei proprietari di cani, viene sovente insudiciato dagli escrementi degli animali, con conseguenti rischi per la salute dei cittadini, con particolare riferimento alle fasce più esposte, quali bambini ed anziani, nonché grave pregiudizio al pubblico decoro, per evitare ciò il Sindaco ha emesso un´ordinanza la n° 643 del 19 novembre \"Norme per la custodia dei cani\". La risposta della Lega del cane non si è fatta attendere. “E´ ridicolo – gli esponenti della sezione della penisola sorrentina – chiedere di impedire che i cani sporchino. Si dovrebbe mettergli un tappo? E´ giusto chiedere di pulire che le persone siano sempre muniti di paletta o qualsiasi strumento? Naturalmente questo comporta che per strada ci siano contenitori per l´immondizia. Gli escrementi non si possono conservare in tasca o in borsa. E´ giusto! chiedere che i cani siano portati al guinzaglio, ma non si può impedire l´accesso nelle vie in prossimità delle scuole o nei giardini pubblici che spesso sono luoghi d´incontro di anziani che portano a passeggio i cani. Non si può vietare di dare cibo ai randagi. Esistono numerose sentenze in merito e certi divieti possono essere considerati atti di maltrattamento nei confronti degli animali. E´ giusto chiedere che si lasci pulito dopo che gli animali hanno mangiato. Minacciare sanzioni pecuniarie – continuano gli esponenti della Lega dal quotidiano Metropolis – a chi non rispetta le ordinanze è negativo perché può causare ulteriori abbandoni per non avere fastidi e soprattutto rende più difficile l´adozione di randagi. Vico Equense ha una situazione di grave randagismo nelle zone periferiche e soprattutto sul Faito con cani inselvatichiti, malati. Sarebbe opportuno e necessario interessarsi a tale problema con sterilizzazioni di femmine e maschi e con la cattura con siste! mazione nei canili dei cani più aggressivi. Così si pensa alla facciat a e non a risolvere i veri problemi”.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl