Roma - Esondazione Tevere, rischio per migliaia di animali

16/dic/2008 20.22.32 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
A causa del maltempo e dell’esondazione del Tevere, sono stati giorni molto difficili, quelli appena passati, sia per i cittadini della Provincia di Roma, che per migliaia di animali : i dati non sono ancora completi, ma risultano gravi danni registrati a diversi canili e rifugi della Provincia di Roma e, purtroppo, anche una decina di cani deceduti. Poteva andare molto peggio, come dimostrano i dati nazionali.

La LAV di Roma porge un ringraziamento all’Assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Fabio De Lillo, che, con l’Area Tecnica dell’Ufficio Tutela e Benessere Animali di Roma, sin dal primo giorno, è stato presente al fianco dei volontari del canile che per primo ha subito danni, provvedendo ad organizzare prontamente il lavoro di messa in sicurezza degli animali ospitati nella struttura.

Successivamente, l’Area Tecnica dell’Ufficio Tutela e Benessere Animali del Comune di Roma ha provveduto all’evacuazione di altri due canili situati nel Comune di Ro! ma, grazie al coordinamento con la squadra di Monitoraggio sul territorio del Comune, la sala operativa della Polizia Municipale, i volontari della Protezione Civile Zeus e C.A.E.R., il gruppo K9, l’Ambulanza Veterinaria del Comune di Roma e la Regione Lazio. Accanto a loro, indispensabile per la messa in sicurezza di centinaia tra cani e gatti è stato il lavoro svolto dagli infaticabili volontari di molte associazioni animaliste, come A.V.C.P.P., Ass. Canili Lazio, AIDA & A (Rifugio Coccone e Compagni) Code Felici, ed altri.

Inoltre, nella giornata e nella notte di venerdì, i volontari della LAV di Roma, dell’Associazione LAMBS e dell’Associazione Canili Lazio, insieme a tanti altri volontari, hanno provveduto anche alla messa in sicurezza dei 300 cani e 30 gatti ospitati nel canile situato nel Comune di Monterotondo, struttura posta in grave ed imminente rischio di esondazione del Tevere.

“Ma se a Roma la volontà politica ha favorito il coordinamento del! le Istituzioni con le Associazioni di volontariato, nell’unico interes se di salvare gli animali da una triste fine – dichiara Andrea Cristofori, del Settore canili della LAV nazionale - a pochi chilometri di distanza, i volontari hanno dovuto organizzare da soli l’evacuazione del canile di Monterotondo (RM), edificato con recinti fatiscenti proprio sulla riva del Tevere, e per il quale la Protezione Civile aveva lanciato l’allarme di un’onda anomala ; ma al Sindaco tutto questo non interessava !”.

”Un intero giorno e tutta la notte per coinvolgere la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Aeronautica Militare di Monterotondo e la Protezione Civile, ai quali vanno i nostri più sentiti ringraziamenti per la disponibilità posta per risolvere l’emergenza. – continua Cristofori, tra i volontari presenti al canile a rischio - Mentre i vertici Comunali di Monterotondo si disinteressavano dell’emergenza, negando anche solo un fazzoletto di terra dove poter evacuare gli animali, i volontari si organizzavano al buio (in quanto il Comune non h! a mai realizzato un impianto d’illuminazione) per il trasporto degli animali con i propri mezzi, ponendo in sicurezza i cani che non potevano essere trasportati. Un sincero ringraziamento ai cittadini che, leggendo gli appelli della LAV e di altre associazioni animaliste, sono accorsi numerosi per prendere in affido temporaneo i cani ed i gatti.”

Purtroppo, l’emergenza maltempo permarrà per tutta la settimana, ed altri 50 cani circa sono ancora presenti nel canile : chi desidera dare una mano può contattare l’associazione LAMBS al numero 3490713320.

“E’ fondamentale mantenere alta l’allerta anche nei prossimi giorni. – dichiara Veronica Innominati, Responsabile Settore cani e gatti della LAV di Roma – Le previsioni infatti prevedono nuove forti piogge tra martedì e mercoledì. Raccomandiamo a chi gestisce anche cani e gatti liberi di mettere in sicurezza gli animali in difficoltà (anziani, malati o portatori di handicap), e chiediamo ai volontari delle asso! ciazioni animaliste di essere pronti e disponibili a dare aiuto agli a nimali in pericolo, mettendo anche a disposizione eventuali stalli temporanei in cui ospitare gli animali che potrebbero averne bisogno.”





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl