Comunicato del Pointer Club Italia

Comunicato del Pointer Club Italia Ricorriamo al nostro mezzo di comunicazione più rapido per intervenire ed esprimere lo sconcerto e la amarezza del Club e degli appassionati della nostra razza, per l'incresciosa vicenda in cui si è venuto a trovare protagonista, anche attraverso una martellante aggressione mediatica, il nostro socio Dr. Giorgio Guberti.

03/gen/2009 20.26.08 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ricorriamo al nostro mezzo di comunicazione più rapido per intervenire ed esprimere lo sconcerto e la amarezza del Club e degli appassionati della nostra razza, per l’incresciosa vicenda in cui si è venuto a trovare protagonista, anche attraverso una martellante aggressione mediatica, il nostro socio Dr. Giorgio Guberti.
Diamo per scontato che il Dr. Giorgio Guberti è persona conosciuta a chiunque abbia un interesse per il pointer, diamo anche per risaputo che i suoi metodi di allevamento, condivisi o meno ma che pure hanno fruttato un prezioso apporto alla nostra razza, possano non essere pienamente allineati alle disposizioni previste dalle normative di presidio sanitario.
E’ anche noto l’accanimento che è stato riservato alla persona del Dr. Guberti da parte di “protezionisti” attraverso campagne di stampa fino ad arrivare ad interventi inopportuni presso il suo canile.
Le condizioni da lui applicate alla selezione potranno essere considerate stravaganti a una! visione animalista, meno discutibili sul piano zootecnico.
Con tutto questo non abbiamo mai cessato di provare il rispetto e la stima per l’abnegazione con cui Guberti ha portato avanti in tanti anni la sua passione per la razza, né abbiamo trascurato di sensibilizzarlo ad un miglioramento delle sue strutture per renderle compatibili con i disposti di legge.
Le avvisaglie di quanto è ora avvenuto risalgono a qualche mese fa. Un articolo pubblicato sul Corriere di Romagna dell’11 settembre rinnovava i suoi attacchi all’allevamento di Campiano.
Il nostro Club è allora immediatamente intervenuto, soprattutto per rimarcare come qualsiasi censura non potesse travalicare i limiti del rispetto e della educazione. Naturalmente la nostra replica è stata cestinata poiché il disegno di un affondo delle iniziative di contestazione era fin troppo prevedibile e non c’era evidentemente alcun interesse a ricercare soluzioni.
Quello che è avvenuto nei giorni scorsi ha super! ato però, per rapidità e modalità di esecuzione, qualsiasi previsione: un sequestro probatorio eseguito dalla autorità giudiziaria su ordinanza direttamente emessa dal Ministero delle politiche Agricole e dell’Ambiente ha disposto il prelievo dei cani presenti in allevamento destinandoli a strutture diverse.
Non mettiamo in discussione l’autorevolezza delle istituzioni anche se nutriamo qualche fondato dubbio sulla completa legittimità della decisione e molte perplessità sulla forma con cui è stato eseguito.
Soprattutto abbiamo la seria preoccupazione per come sta avvenendo la gestione della custodia degli animali sequestrati, già passati di mano con affidamenti affrettati che rischiano di disperdere un patrimonio di razza del quale evidentemente nessuno ha pensato di tenere conto.
Sono veramente tante le persone che direttamente a lui o tramite nostro stanno esprimendo solidarietà personale e soprattutto volontà e disponibilità a contribuire in qualche modo a dare una soluzione al problema.
Che è ora un problema di ordine lega! le e giudiziario e come tale va affrontato evitando le pur comprensibili emotività.
Siamo vicini a Giorgio Guberti, lo sentiamo ogni giorno e vogliamo rassicurare tutte le persone che lo conoscono e lo stimano affettuosamente, sulla sua forza d’animo.
Siamo costantemente in contatto con lo studio legale che lo assiste e di concerto stiamo elaborando un programma di intervento e proporremo iniziative che possano venir accolte dalle autorità competenti.
I tempi che in materia giudiziaria non sono mai brevi nel nostro caso, invece, sono strettissimi.
Non lasceremo comunque nulla di intentato.
Pointer Club d’Italia


AmiciCani espone alcune foto di Pointer dell\`allevamento del Sig. Guberti per far notare lo stato di alta malsanità, maltrattamento fisico e psichico dei cani in questione che a nostro parere posso bastare per confermare l\`ottimo operato dell\`associazione Animal Liberation nel denunciare il fatto al NIRDA che ha posto sotto seques! tro la struttura.















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl