149 cani salvati dal mercato della carne cinese grazie ad AAF

07/gen/2009 19.35.42 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Una notizia stupenda per iniziare l\`anno: il 31 dicembre Animals Asia Foundation è riuscita a confiscare nella città cinese di Pengzhou (30 km dal rifugio degli orsi della luna di Chengdu) e portare nel suo rifugio di Quiming (attrezzato per ospitare i cani vittima del terremoto di Sichuang) 149 cani trasportati senza licenza da un commerciante locale destinati al terrificante mercato della carne di Giuangzhou, capitale della macellazione di cani e gatti in Cina.
Grazie anche alla collaborazione delle autorità cinesi locali, i cani sono ora al sicuro, nella zona di quarantena del rifugio, e sono sottoposti a controlli veterinari. Solo uno è stato eutanasizzato poichè affetto da rabbia.
In Cina, la tortura dei cani prima dell\`uccisione è considerata auspicabile perché migliorerebbe il sapore della loro carne.
Il programma di educazione della popolazione al rispetto dei cani e dei gatti \"Friends or Food\" e \"Professor Paws\" è stato ora integrato da questo prim! o sequestro.
Un grazie con tutto il cuore a Jill Robinson, fondatrice e CEO di Animals Asia Foundation.















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl