Badesi - Lida Olbia chiede aiuto e un appello disperato

13/gen/2009 11.43.10 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Abbiamo sempre sperato e creduto che quel giorno non arrivasse mai, ci siamo sempre chiesti se un giorno o l\` altro ci fosse \" caduta una tegola\" in testa, orbene quella tegola ci è caduta ADDOSSO.

Domenica sera siamo stati chiamati da Badesi, Luigi dal giorno precedente era stato ricoverato in ospedale , per la cronaca con la forza, lui non voleva abbandonare i suoi cani, \"Signora fate qualcosa i cani sono tre giorni chiusi senza cibo ed acqua\".
Ho sempre detto che Luigi è un uomo molto malato, ha sempre rifiutato qualsiasi cura , per amore dei suoi cani. E\` inutile parlare di impotenza, è inutile stare a descrivere il nostro stato d\`animo e la nostra angoscia, Olbia è distante 70 Km. da Badesi, noi abbiamo un rifugio con 700 cani, quindi ci vuole poco a riflettere e farsi cogliere dal panico.
Come sempre non abbiamo mai agito di impulso e sempre abbiamo riflettuto sulle decisioni da intraprendere.Stamane due nostri collaboratori e un veterinario ! sono partiti alla volta di Badesi , la situazione che si è presentata ai nostri occhi era indescrivibile, non abbiamo fotografato, non abbiamo avuto il tempo , il terrore, il panico era nostro \"compagno\".
Abbiamo cercato \" alla meglio\" di accudire quelle anime dimenticate , sole, spaventate, anzi terrorizzate, come il loro adorato padrone.

Il pomeriggio ci siamo preoccupati anche di Hary, lui giace in un letto di ospedale, profondamente solo, con l\`aiuto di una ragazza meravigliosa di Sassari, Daniela, le abbiamo portato della biancheria intima, dell\`acqua e dei bicchieri, lui non aveva nulla, lui, solo e disperato come i suoi cani.
Abbiamo dovuto portare via 5 cani gravemente ammalati, si possono guardare le foto, e da li immaginare la situazione che ci siamo trovati di fronte. Il sesto cane, Luigina ci ha seguito con il furgone e i suoi occhi ci hanno implorato \" non lasciatemi in questo inferno\", si perchè li c\`è l\`inferno per l\`uomo e per ! il cane.
Abbiamo trovato anche tre cani morti. I cinque cani sono ricoverati in clinica ad Olbia.

Domani torneremo li, sempre con un veterinario, per schedare e prestare le cure ai cani.

ABBIAMO URGENTE BISOGNO IN QUESTO MOMENTO DI: trasportini, ivomec, coperte, farmaci quali antibiotici , sverminanti, disinfettanti, garze bende, guanti monouso, siringhe , e tutto quello che vi possa venire in mente, siamo disperati, noi con un rifugio di 700 cani non possiamo assolutamente affrontare le spese necessarie sanitarie per queste anime dimenticate dal mondo.

Domani con piu\` calma e meno panico riusciremo a fare le altre foto, forse allora si potrà comprendere sino in fondo il nostro appello.

Conto Corrente Bancario presso:
Banca Intesa San Paolo di Olbia
COD.A.B.I. C.A.B. N. CONTO CIN
03069 84980 1000/00005559 Q
COD.IBAN: IT62 Q030 6984 9801 0000 0005 559
BIC : B C I T I T M M
Intestato a:
Lega Italiana dei Diritti dell’Animale L.I.D.A. sez. di Olbia

oppure: !

Conto corrente postale:
12304697
Intestato a:
L.I.D.A. sez. di Olbia















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl