Cani, matrimonio e camera con vista per vivere pi a lungo

Cani, matrimonio e camera con vista per vivere pi a lungo Prendersi cura di un cane, più due anni di vita.

14/gen/2009 11.04.41 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Prendersi cura di un cane, più due anni di vita. Sposarsi, più dieci. Divorziare, meno tre. La ricetta per vivere più a lungo è fatta di semplici ingredienti, ognuno in grado di regalare o di sottrarre tempo alla nostra esistenza, con un \`saldo\` tutto da calcolare sulla base degli elementi riportati dal tabloid britannico \`Daily Mail\`, che ha intervistato un’esperta sul tema, Trisha Macnair.

\"Sappiamo tutti che fumare accorcia la vita e che fare sport regolarmente la allunga - evidenzia il medico - ma anche alcuni fattori legati alla nostra vita privata e sentimentale possono influire sulla longevità\".

Partendo da una vita media di 70 anni, dunque, e sommando o sottraendo i valori corrispondenti a questi elementi, possiamo capire quante candeline siamo destinati a spegnere. Per esempio, chi avrebbe mai immaginato che vivere in una casa con vista sulla natura possa allungare di ben due anni la nostra esistenza? Una condizione che molti non hanno la for! tuna di godere, ma che secondo il medico può essere raggiunta anche sostituendo al panorama naturale poster e foto di luoghi amati.

Al contrario, abitare in mezzo al caos può amplificare la pressione e il rilascio dell\`ormone dello stress, il cortisolo, che a lungo andare può farci perdere un anno di vita. Due però, si possono recuperare prendendosi cura di un cane: è dimostrato che chi possiede un amico a quattro zampe si reca di rado dal medico, soprattutto per problemi di cuore, e soffre meno spesso di depressione. Ma attenzione a non esagerare: in Gran Bretagna chi dedica troppe attenzioni al cane, soprattutto vestendolo con cappottini firmati e ornandolo con gioielli veri e propri, rischia la denuncia.

Ben quattro anni in più si possono guadagnare, poi, con il sesso: un’attività sotto le lenzuola regolare e soddisfacente si traduce in longevità sia per gli uomini, meno esposti al rischio di cancro alla prostata e di disturbi cardiaci, che per le donn! e, nelle quali si abbassa il pericolo di infarto. Sesso non fa sempre rima con matrimonio, ma se si ha un marito o una moglie è possibile aggiungere al proprio conto di vita ben sette anni \`extra\`, da rivalutare nel caso di divorzio: dire addio al partner \`costa\` tre anni di vita.

Una ricerca californiana ha infatti dimostrato che le persone che non si sono mai sposate corrono un pericolo di due terzi maggiore di morire prematuramente. In più, chi porta la fede al dito è meno a rischio di problemi finanziari e di disturbi mentali e avere un partner velocizza i tempi di guarigione in caso di malattia. Se però si divorzia, aumenta il pericolo di problemi psicologici, morti accidentali o per cause cardiovascolari. Nonché di malattie più gravi. Ma non in tutti i casi: se il matrimonio era veramente una \`gabbia\`, una volta separati la salute dei due partner può migliorare.

Inoltre, occhio alla postura: si perdono due anni di vita se non è corretta. Occorre prestare attenzione dunque alla posizione che si assume in ufficio, d! ato che se è squilibrata i danni si possono far sentire anche a livello degli organi interni, oltre che di ossa e di tendini. Un accenno, poi, alla vita \`spirituale\`: professare una religione con convinzione ci regala fino a sette anni in più, mentre essere veramente felici ben nove. Infine, gli ultimi due consigli: abbiate fiducia in voi stessi, perché l’autostima ci fa vivere quattro anni in più, e dormite a sufficienza, perché altrimenti ne perderete cinque. Il sonno \`a tratti\` e di cattiva qualità aumenta infatti il colesterolo e la pressione sanguigna.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl