Cani paracadutisti, botta e risposta tra l'Oipa e il ministro della Difesa

L'Oipa ha prontamente lanciato appello per chiedere di non mandare i cani nelle zone di guerra in Iraq o Afghanistan.

17/gen/2009 13.44.47 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il ministero della Difesa britannico interviene sull\`utilizzo dei cani nell\`Esercito.
Il quotidiano The Sun aveva rivelato, citando fonti governative, che l\`esercito britannico sta arruolando tra le sue fila i pastori tedeschi. I cani potrebbero essere paracadutati in zone di guerra per aiutare i militari. I cani dovrebbero essere addestrati per essere lanciati da altezze superiori ai 6 mila metri per poi atterrare dietro le linee nemiche, con telecamere sul capo dotate di dispositivi per trasmettere le immagini ai soldati britannici del SAS (Special Air Service) circa la collocazione del nemico.

Questi cani sarebbero i primi dunque ad entrare in zone pericolose, correndo gravi rischi per la loro incolumità. L’Oipa ha prontamente lanciato appello per chiedere di non mandare i cani nelle zone di guerra in Iraq o Afghanistan.

Hanno ricevuto risposta ufficiale dal Ministro della Difesa (Uk) in cui viene chiesto di considerare la loro lettera come una ! risposta formale al nostro appello.
Secondo il Dipartimento britannico, i cani danno un contributo vitale alle capacità militari globali in molte aree importanti, ed il Ministero della Difesa è impegnato ad intraprendere ogni possibile azione per mantenere la salute ed il benessere dei cani nelle operazioni. Adotta gli standard più elevati in relazione al benessere animale e lavora duramente per assicurare che gli animali in servizio siano mantenuti in eccellenti condizioni e non siano esposti a rischi inutili. I veterinari militari sono stanziati sia in Iraq che in Afghanistan, al fine di assicurare che i cani siano in salute; gli addestratori dei cani ricevono un ampio allenamento per dare il pronto soccorso ai cani se dovesse essere necessario.

Si lavora continuamente per migliorare le condizioni delle operazioni per i nostri cani. Il Royal Army Veterinary Corp (Ravc) assicura tutti gli aspetti del benessere dei cani, dalla loro selezione, attraverso la va! lutazione iniziale, l’addestramento ed il pensionamento per mantenere la loro salute e sanità. Il Ravc assicura ai comandanti sulla terra le risorse per utilizzare i cani da lavoro per conseguire gli obiettivi militari assicurando buone pratiche lavorative quale il controllo sulle ore lavorative dei cani.






Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl