Somma Lombardo - Canile Dog Ground - Tigri nel canile, l'Oipa denuncia i proprietari

Somma Lombardo - Canile Dog Ground - Tigri nel canile, l'Oipa denuncia i proprietari La sezione OIPA di Varese, dopo aver scoperto che nel canile sanitario di Somma Lombardo ci sono almeno cinque grandi felini in uno stato di sofferenza rinchiusi in piccole gabbie, ha deciso di denunciare i proprietari del Dog\'s Ground di Somma Lombardo per maltrattamento di animali.

28/gen/2009 20.28.57 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La sezione OIPA di Varese, dopo aver scoperto che nel canile sanitario di Somma Lombardo ci sono almeno cinque grandi felini in uno stato di sofferenza rinchiusi in piccole gabbie, ha deciso di denunciare i proprietari del Dog\`s Ground di Somma Lombardo per maltrattamento di animali. La sconvolgente scoperta da parte dell’OIPA (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) in seguito ad una indagine che la sezione di Varese sta seguendo da qualche tempo su questo rifugio la cui gestione è stata affidata dalla ASL locale ad un privato. La storia del ritrovamento di questi animali selvatici ha suscitato anche l’interesse del telegiornale satirico Striscia la Notizia e dopo la messa in onda del caso durante l’edizione del 22 gennaio la notizia è balzata agli onori della cronaca nazionale. Il rifugio di via Giusti si chiama Dog’s Ground ed è gestito da un ex domatore, Lorenzo Fabris, che si è giustificato davanti alle telecamere di Striscia sostenendo che queste tigri sono ! nate lì, in cattività, trent’anni fa e sono sempre state in gabbia senza mai uscire. Sostiene di avere tentato di trovare per loro una sistemazione più idonea senza successo. Massimo Comparotto, presidente dell’OIPA sottolinea: «Per queste tigri in evidente stato di sofferenza e stabulate in uno spazio di gran lunga più stretto dei 30 mq a felino che prevede la legge, si prefigura sicuramente uno stato di maltrattamento, l’OIPA si farà carico di accertare la reale disponibilità del Fabris nel voler sistemare le tigri in una struttura che sia il più possibile assimilabile al loro habitat naturale per garantire loro un destino migliore».

redazione@varesenews.it





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl