Fabbrico (RE) - Cronaca di una morte annunciata

29/gen/2009 17.59.04 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Quella che vogliamo raccontare è la storia di un cane che aveva la sola colpa di esistere. Gennaro, questo il suo nome, era uno splendido esemplare di Mastino Napoletano di 3 anni. Il giorno dell’Epifania Gennaro ha iniziato a star male e a rifiutare il cibo finchè le sue condizioni si sono aggravate a tal punto da richiederne un ricovero immediato. La diagnosi del veterinario è stata lapidaria, avvelenamento da topicida!! Due giorni di agonia tra atroci sofferenze e poi il decesso tra la disperazione e l’impotenza di chi l’ha amato come un componente della famiglia. Qualcuno che si diverte a godere della morte di innocenti inermi, ha lanciato una polpetta letale al povero Gennaro, che, ignaro del pericolo, si è fidato della BESTIA UMANA. Ma chi poteva voler male ad un cane così buono? Eppure Gennaro, a detta di alcune persone, era molto odiato per la sua mole imponente e per il suo abbaiare. Si, abbaiava quando restava da solo, forse perché si sentiva abbandonato, ma bastav! a chiamarlo e rassicurarlo che smetteva immediatamente. Varie volte la morte di Gennaro era stata annunciata da persone fortemente indispettite dall’esistenza del gigante buono. La promessa di morte è stata mantenuta ed un giorno Gennaro ha chiuso gli occhi per sempre, qualcuno ne aveva decretato la morte e quel qualcuno si è condannato all’oblio. Come tanti altri cani, è stato ucciso perché “disturbava” e quando non si ha il coraggio di affrontare le cose, le si affronta con la violenza e la vigliaccheria di chi lancia il sasso contro un inerme e poi nasconde la mano.

Questa lettera nasce dal desiderio di fare si che non accadano mai più episodi di questo tipo e che le unità di competenza del territorio possano vigilare affinché anche i nostri amici a quattro zampe possano essere tutelati e sicuri nelle loro case. Si spera che gli organi di competenza possano accogliere nel giusto modo la denuncia da parte dei proprietari affinché, per una volta, un cane possa av! ere GIUSTIZIA.

Questa lettera è stata scritta da persone che hanno amato profondamente Gennaro ed è dedicata a tutti gli esseri viventi uccisi perché “disturbano”.

Addio Gennaro






Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl