L'ultima bestialit: per l'On Baldelli la crisi colpa delle spese per Fido

09/feb/2009 12.17.15 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Domenica scorsa alle 8.30, mentre lottavo con il gatto per il possesso dei miei biscotti da colazione quotidiani, seguivo una trasmissione su La7 dal titolo \"Omnibus Life\". Argomento originale: \"La crisi economica\". Ancora un po\` assonnato decidevo di seguire qualche intervento, vista la presenza del prof. Zecchi le cui idee sono più o meno condivisibili, ma il suo pacato e chiaro modo di esprimersi è gioia per i timpani. Oltre ai giornalisti era presente anche un rappresentante delle associazioni di consumatori, se non ricordo male Trefiletti del Codacons che ovviamente lamentava, con alti lai e non poche ragioni, i problemi che una crisi di portata mondiale come questa comportava non solo per i consumatori, che vedono la famosa quarta settimana accorciarsi vieppiù, ma anche le problematiche legate la mondo del lavoro che comincia ad accusare colpi non solo sulla vendita delle automobili e il loro indotto, ma anche a livello della grande distribuzione normalmente neanc! he sfiorata dai movimenti tellurici economici, se non altro perché quando vai alla cassa con il carrello esci con il suo contenuto solo dopo aver pagato cash, il che non è poco di questi tempi dove dilazioni di pagamento o vere e proprie \"stecche\" (leggi impuffate) sono all\`ordine del giorno per chi guadagna sul \"metta pure in conto\".

Mentre Pio/Hurricane (il mio giovane gatto rosso) aveva facile vita nel sottrarmi un krumiro (trattasi di biscotto), visto che mi stavo riaddormentando, ci ha pensato il politico di turno a svegliarmi definitivamente. Per riportare le parole esatte ho scritto la mattina dopo alla redazione de La7 chiedendo dove trovare il podcast (spero sia il termine corretto) della trasmissione, ma a oggi nessuno mi ha risposto. Comunque, andando a braccio, l\`on. Baldelli rispondeva alla domanda dell\`intervistatrice, sulle cause della crisi, che gli italiani spendevano troppo male i loro soldi in lotterie, grattaevinci e robaccia del genere. ! Perspicace la difesa della giornalista: «ma lo stato ci guadagna una b arca di soldi». Ecco allora l\`uscita dell\`onorevole: «Massì, lotterie enalotto, cani e gatti. La gente spende troppo per gli animali, quasi due miliardi di euro». E bravo il nostro Baldelli. Forse non ha preso in considerazione che gli italiani hanno vissuto (e continuano a vivere) al di sopra dei loro mezzi con tre auto per famiglia, quattro televisori dispersi nell\`appartamento (uno murale al plasma sia chiaro), due cellulari a testa (i più recenti e costosi, ovvio), registratori di DVD a profusione, abbonamenti allo stadio e compagnia bella. Provi il Baldelli a cercare una stamberga montana ove trascorrere la sacra settimana bianca. Murato dappertutto, tranne forse che in una malga tra le vacche. Sarà proprio la vecchietta, cui è rimasto come unico fedele compagno Fido, a incasinarci il Pil. o devo vergognarmi perché ieri sera ho dato una scatoletta di tonno al naturale a Pio? O si vergogna il Baldelli di avere detto una simile cretinata?

OSCAR GRAZIOLI





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl