Forl - Il cane le stacca il naso: ricucito

17/feb/2009 11.28.59 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Una 50enne di Forlì è stata aggredita, domenica mattina, dal barboncino che da anni viveva con la famiglia. Senza un motivo particolare, il cane ha azzannato il naso della padrona staccandole la punta e parte delle narici. Il rapido intervento dei medici ha consentito di conservare il lembo amputato. Una volta in ospedale, con una delicata operazione, i chirurghi sono riusciti poi a ricucirlo.

La donna si trovava nel letto con il marito e il cane, un meticcio di barboncino, che dormiva con i due coniugi come d\`abitudine. Quando l\`uomo, poco dopo le sette, si è mosso per alzarsi, il cane ha avuto l\`inspiegabile reazione. Con violenza si è avventato sulla moglie mordendola al naso. Anche l\`uomo è stato morsicato, in maniera lieve, nel tentativo di difendere la donna. Solo dopo è riuscito a rinchiudere l\`animale in una stanza e a chiamare i soccorsi.

Una volta giunti sul luogo, gli operatori del 118, sono riusciti a recuperare il lembo di naso amputato e! a conservarlo nel ghiaccio. La donna è stata poi portata all\`ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì, dove è stata operata d\`urgenza. L\`intervento è riuscito, anche se occorrerà attendere almeno un paio di settimane per verificare l\`esito dell\`operazione.

La cattura del cane è stata particolarmente complicata. Il personale del canile, vista l\`aggressività del barboncino, ha dovuto ricorrere addirittura al laccio con asta rigida, solitamente riservato ai cani di grossa stazza.

Ora ci si interroga sul motivo che ha spinto il barboncino, solitamente molto innocuo e affettuoso, ad aggredire la padrona dopo anni di convivenza. \"Gli animali rispondono a pulsioni istintive che spesso ci sfuggono - commenta Rodingo Usberti, direttore del Dipartimento Veterinario della Usl di Forlì -, mentre gliene attribuiamo altre (amore, gelosia, felicità, ira) che invece sono prettamente umane e nulla hanno a che fare con gli animali. Il cane morde, indipendentemente da! lla sua taglia. Lo può fare per diversi motivi e in qualsiasi momento, anche se abbiamo notato che le morsicature sono più frequenti d\`estate, molto probabilmente perché i cani, come gli esseri umani, passano più tempo fuori di casa. Comunque interventi sanitari per morsi di cani sono abbastanza frequenti: oltre un centinaio all\`anno nella nostra Usl\".





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl