Bari - Cane bruciato vivo, questa l'ennesima cattiveria umana

Bari - Cane bruciato vivo, questa l'ennesima cattiveria umana Di fronte a queste scene non so più se imprecare Dio per averci creato "uomini" o chiedergli perdono perché "uomini" non lo siamo mai diventati… So che la violenza e la cattiveria sono sempre esistiti e sempre esisteranno, nonostante le religioni, le filosofie, le costituzioni, ma davvero non riesco ancora ad abituarmi alla cattiveria gratuita, quella esercitata sugli indifesi siano essere umani o "sovrumani" come lo sono per noi gli anima-li d'affezione o selvatici.

19/feb/2009 09.19.46 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Di fronte a queste scene non so più se imprecare Dio per averci creato “uomini” o chiedergli perdono perché “uomini” non lo siamo mai diventati…

So che la violenza e la cattiveria sono sempre esistiti e sempre esisteranno, nonostante le religioni, le filosofie, le costituzioni, ma davvero non riesco ancora ad abituarmi alla cattiveria gratuita, quella esercitata sugli indifesi siano essere umani o “sovrumani” come lo sono per noi gli anima-li d’affezione o selvatici .

Succede ancora a Ruvo di Puglia, nella provincia del nord-barese, dove il problema del randagismo, come in tutto il meridione, non è ancora risolto.
Così per strada i cani sono mal tollerati, la popolazione, diventata insofferente, prende i suoi provvedimenti: si disseminano bocconi avvelenati o si prova ad ammazzare le bestiole ignare investendoli con l’automobile a tutta velocità, se sono cuccioli poi si bastonano con più facilità giusto per toglierli subito dai piedi…
Lo sfortu! nato cane ha perso la vita in mezzo ad un podere nelle vicinanze dell’abitato, dove nessuno ha potuto vederlo ed aiutarlo.
La sua vita si è spezzata anzitempo, la sua dentatura è testimonianza di una giovane età e la contrazione degli arti è segno di un’atroce sofferenza…la sua presenza infastidiva forse qualcuno?
Magari il contadino che non ama si passi dalla sua terra lasciando impronte o qualche banda di bulli che non avendo trovato barboni o extracomunitari in stazione da ardere, hanno ripiegato su altro, loro malgrado?!!!

Amiamo i cani, ci danniamo per difenderli ed è questa la nostra condanna:
non poterli salvare tutti, arrivare tardi quando tutto si è consumato, non avere strumenti per punire e far punire…
la vita o la morte di un cane, solo, indifeso, affamato non ha nessun peso, perché il mondo continua a girare come sempre con le sue vigliaccherie...

I volontari della LNDC- sez. di Ruvo di Puglia











Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl