Roma - Martini: presto un'ordinanza su animali in tv e cinema

Vita da star ma solo con garanzie rispetto a salute e benessere.

21/feb/2009 18.04.18 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il sottosegretario alla Salute prevede di istituire un tutor-veterinario che dovrà controllare gli orari, l\`alimentazione e lo stato psico-fisico dell\`animale.
Vita da star ma solo con garanzie rispetto a salute e benessere. Arriva infatti il tutor-veterinario per gli animali impegnati sui set televisivi e cinematografici. A introdurre l’obbligo di questo garante è un’ordinanza che sarà emanata a breve dal sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, che ha annunciato l’iniziativa dopo le notizie dei giorni scorsi su presunti maltrattamenti di animali utilizzati in trasmissioni televisive. «Introdurrò obbligatoriamente una figura di garanzia sui set rappresentata dal medico veterinario», ha detto Martini parlando dell’ordinanza.

«In nessun contesto ritengo accettabile che vi sia una riduzione delle garanzie relative alla tutela e al benessere degli animali, tanto più - ha detto Martini - in un ambito in cui questo produce reddito e quindi si può equiparare ! ad un vero e proprio lavoro».

In particolare, si è appreso, il garante per gli animali che «recitano» dovrà controllare, tra l’altro, gli orari, perchè siano congrui per gli animali, e l’alimentazione, quindi vigilare sullo stato psico-fisico dell’animale.

Sulla questione, il 18 febbraio scorso, il ministro dell’ Ambiente, Stefania Prestigiacomo, ha disposto una ispezione dei Carabinieri dei Noe presso le strutture della società che noleggia gli animali che vengono utilizzati per le trasmissioni Rai. Obiettivo della richiesta è accertare le condizioni in cui vengono tenuti gli animali, anche per verificare la fondatezza di denunce oggetto di interrogazioni parlamentari e che hanno avuto eco sulla stampa.

Da parte degli esperti la figura di un garante è ben accetta ma senza arrivare ad esasperazioni. Il controllo per il benessere degli animali sul set «è una cosa saggia» ma «l’ importante è anche, d’altro canto, dalla parte di chi controlla, non es! agerare con un atteggiamento fondamentalista», ha detto Massimo Perla, addestratore di cani famosi, tra cui il rottweiler dell’episodio con Carlo Verdone in ’Manuale d’amore 2’. Certo è che, almeno per quanto riguarda i cani, bisogna fare attenzione ai molti «ostacoli» che si annidano in un set e che, spesso, ad occhi non esperti, non si riconoscono. Per esempio, afferma Perla, «non va bene, per il cane, che troppe mani lo accarezzino mentre l’animale è in pausa», poi bisogna stare molto attenti «ai fili elettrici» o «al veleno per topi». Importante anche conoscere in anticipo cosa viene richiesto all’animale in modo da non confonderlo e, prima di girare, «è sempre necessario un sopralluogo per verificare eventuali situazioni di rischio».






Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl