Direttiva UE su vivisezione: voto solo parzialmente positivo

14/mar/2009 18.20.11 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Riportiamo l\`opinione della Fondazione antivivisezionista inglese Dr. Hadwen Trust in merito al voto della Commissione per l\`Industria, Ricerca e Energia, avvenuto il 10 marzo, sulla nuova Direttiva Europea che sostituirà l\`attuale in tema di sperimentazione su animali.

I Membri del Parlamento Europeo hanno votato a favore della creazione di nuovi centri UE per sviluppare alternative alla sperimentazione animale. Il voto della Commissione per l\`Industria, Ricerca e Energia (ITRE) a Bruxelles è stato decisivo per la revisione della vecchia legge sulla sperimentazione animale, la Direttiva 86/609/CEE. La sostituzione di esperimenti su animali vivi con tecniche più affidabili e moderne senza animali è la più importante tra le priorità tecniche e scientifiche.

Ogni anno vengono utilizzati nei laboratori europei più di 12 milioni di animali, tuttavia gli sforzi fatti per sviluppare alternative alla sperimentazione animale non sono tali da incidere sulla magg! ioranza delle aree di ricerca. Infatti, gran parte dei progressi nei metodi sostitutivi sono stati fatti nel settore dei test di tossicità, mentre il maggior numero di animali impiegato nei laboratori europei è nel campo della ricerca di base, area in cui l\`impegno a non usare animali e sviluppare metodi all\`avanguardia senza animali è stato molto limitato.

Gli europarlamentari stanno attualmente dando il loro supporto a proposte che porterebbero maggiori fondi e coordinazione per colmare questa lacuna nel processo di sostituzione degli esperimenti su animali. Questa è senz\`altro una notizia positiva.

Tuttavia, è fortemente criticabile la posizione assunta dagli europarlamentari della Commissione ITRE, di difesa degli interessi delle lobby farmaceutiche e dell\`industria della sperimentazione animale, in merito alle misure che puntavano al miglioramento della vita degli animali usati.

Da parte antivivisezionista erano state richieste restrizion! i sul riutilizzo di animali già utilizzati in precedenti esperimenti, limiti sul livello di dolore che gli animali si trovano a dover sopportare, e in generale restrizioni e controlli su quanto gli animali sono costretti a subire. Tutte queste misure non sono state approvate dalla Commissione ITRE, in seguito alle notizie fuorvianti ed allarmistiche provenienti dalla lobby degli sperimentatori.

\"La sostituzione della sperimentazione animale con tecniche che non prevedono l\`uso di animali è un obiettivo vantaggioso sia per gli uomini che per gli animali\", afferma Emily McIvor della Fondazione Dr. Hadwen Trust. \"Soluzioni già esistenti come i modelli 3D, scansioni cerebrali avanzate e numerose altre teconologie stanno già facendo la differenza nei laboratori, ma ancora molto c\`è da fare per beneficiare appieno da questi metodi. Nuovi centri UE per lo sviluppo di metodi di ricerca alternativi metterebbero l\`UE in prima linea nella promozione di una scienza senza sofferenza animale. Tuttavia, mentre gli animali continuano ad essere ! utilizzati nella ricerca, molto poco si sta facendo per assicurare loro un minimo di protezione. Ed è per questo che affermiamo che gli eurodeputati stanno tradendo milioni di animali: hanno preferito proteggere gli interessi delle multinazionali farmaceutiche piuttosto che assicurare un minimo di protezione a questi poveri animali\".

La Fondazione Dr. Hadwen Trust ha istituito un programma di ricerca presso le università inglesi che ha l\`obiettivo di sviluppare nuove tecniche che non prevedano l\`uso di animali come i modelli tridimensionali e gli strumenti di imaging cerebrale avanzati. La Fondazione sta conducendo una campagna per aumentare gli investimenti nei metodi di ricerca senza animali per mezzo della nuova direttiva UE.

Il prossimo passo importante dell\`iter della Direttiva sarà quello del 31 marzo, quando si esprimerà sull\`argomento la Commissione per l\`Agricoltura, seguito poi dal voto plenario del Parlamento Europeo previsto per la fine d! i aprile 2009.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl