Salento - Aumentano gli episodi di avvelenamento di randagi

15/mar/2009 20.01.09 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Codici ambiente: i sindaci si attengano alle normative vigenti ed adottino provvedimenti seri per far fronte al fenomeno del randagismo. Gli episodi di avvelenamento di randagi in molti paesi del Salento, tra cui Santa Cesarea Terme, Collepasso e Gallipoli non accennano a diminuire.

Dal 2008 fino ad oggi decine sono gli animali uccisi dai bocconi avvelenati e vittime di trappole crudeli, vili tentativi da parte dei cittadini di arginare il fenomeno del randagismo.

Il CODICI Ambiente ricorda che esiste una normativa in base alla quale ogni Comune è tenuto a provvedere alle catture, chippatura e sterilizzazioni degli animali vaganti, nonché al controllo tramite verifiche a campione sui cani di proprietà, della chippatura e registrazione presso la Asl veterinaria, quale deterrente per gli abbandoni.

In fatti, la Legge Finanziaria 2008, Art. 2, comma 370 (Legge 24 dicembre 2007, n.244) ha sottolineato come \"I comuni, singoli o associati, e le comunit! à montane provvedono prioritariamente ad attuare piani di controllo delle nascite attraverso la sterilizzazione. A tali piani è destinata una quota non inferiore al 60 per cento delle risorse di cui all\`articolo 3, comma 6. I comuni provvedono, altresì, al risanamento dei canili comunali esistenti e costruiscono rifugi per i cani, nel rispetto dei criteri stabiliti con legge regionale e avvalendosi delle risorse di cui all\`articolo 3, comma 6?.

Valentina Coppola responsabile nazionale del CODICI Ambiente dichiara: \"Sono realmente sbalordita da come i sindaci di alcuni comuni pensino di poter ignorare allegramente le leggi dello Stato, tra l\`altro invito a non alimentare i randagi poichè, come vuole il dpr 320/1954 lo stesso Sindaco deve farsi carico del mantenimento degli animali vaganti sul suo territorio. Sulla base di quanto detto, provvederemo ad accertare immediatamente, con un accesso agli atti, se i Primi Cittadini dei Comuni sopracitati agiscano nel ! rispetto della normativa vigente o se, in caso contrario, ci troviamo di fronte a distrazione dei fondi\".





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl