Comunicato La Zampa e la Mano - Cicerale, facciamo il possibile

Sento il dovere e l\'obbligo di rivolgere alle Associazioni, ai volontari e agli animalisti. un appello urgente ed accorato Come tutti sapete il 15 dicembre 2008 il P.M. di Vallo della Lucania, a seguito di segnalazione dei NAS di Salerno e dell\'intervento di Striscia la Notizia,ha sequestrato, una parte(cinque recinti) del canile Oasi San Leo di Cicerale, Canile \"Ciceralis con all\'interno circa 1200 cani.

16/mar/2009 09.30.10 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ciao a tutti !
Sento il dovere e l\`obbligo di rivolgere alle Associazioni, ai volontari e agli animalisti. un appello urgente ed accorato
Come tutti sapete il 15 dicembre 2008 il P.M. di Vallo della Lucania, a seguito di segnalazione dei NAS di Salerno e dell\`intervento di Striscia la Notizia ,ha sequestrato, una parte(cinque recinti) del canile Oasi San Leo di Cicerale, Canile \"Ciceralis con all\`interno circa 1200 cani.
Gli orrori che si sono perpetrati all\`interno di quella struttura sono a conoscenza di tutto noi.
In tutti questi anni sono state fatte tante denunce che non hanno approdato a nulla! ma ora si è mosso il Ministero della Salute, mandando una ispezione e ordinando la chiusura e l\`evacuazione del canile, con il ritiro dei cani da parte dei Comuni e facendo partire, immediatamente, una campagna di affidamenti per i cani senza microchip.
C\`è secondo me un\" però\" : i cani continuano a stare lì dentro e a morire.
Ne sono sta! ti adottati solo una 60 più o meno, ad oggi da 1200 che erano il giorno del sequestro ne sono rimasti verosimilmente circa 700. E gli altri?
Continuano gli orrori. Continuano a morire di fame, di malattie, di sbranamenti!
Considerato che in Italia ci sono all\`incirca 1500 Associazioni animaliste, grandi e piccole e tanti volontari mi chiedo perché permettiamo a quegli animali di continuare a soffrire e a morire.
E\` positivo raccogliere firme, far girare mail, far conoscere a tutta Italia lo schifo di taluni personaggi senza scrupoli ma l\`urgenza è: tirare fuori da quel posto maledetto tutti i cani.
Noi siamo una piccola Associazione di Bologna, con poche risorse, senza una struttura ma ne abbiamo adottati due, uno dei quali ha già trovato casa. Si sta inserendo bene con altri cani ma è terrorizzato nel mangiare e bere in una ciotola, perché? Questa è piccola cosa rispetto agli animali con traumi ben più gravi che continuano a stanziare lì dentro.
I! l mio appello a tutti è: tiriamo fuori i cani dall\`inferno!
Svuot iamo la montagna-canile!
Adottiamone anche uno solo o due cani secondo le possibilità e disponibilità di ognuno di noi!
Se lo facessimo tutti in una settimana i cani sarebbero tutti al sicuro ed il il Sig. Cafasso non continuerebbe ad arricchirsi ed a fare arricchire sulla pelle dei cani.
Dopo, potremo fare tutte le battaglie per indurre la Giustizia a decidere di annientare quella struttura e di diffidare il Cafasso a detenere ancora cani.
Ma dopo! Ora salviamo gli innocenti. Subito
Grazie a tutti





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl