Toccatemi tutto, ma non la Martini

18/mar/2009 13.34.54 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Nasce un gruppo su FaceBook a difesa dell’On. Francesca Martini.

Se il Codacons voleva entrare nel cono di luce dei riflettori puntati sulla tragedia di scicli, eccolo accontentato.

Due righine due, le vogliamo mandare agli illustrissimi difensori dei cittadini e dell’ambiente che davvero non hanno desiderio alcuno di farsi tutelare da siffatto organismo?



Codacons: “La Martini si dimetta”

«Considerato che è il sottosegretario alla Salute dei cittadini e non solo degli animali, ne chiediamo la rimozione»
ROMA
Le dichiarazioni del sottosegretario al Welfare Francesca Martini in merito al fenomeno del randagismo dei cani sono «di una gravità inaudita e dimostrerebbero che il sottosegretario considera la tutela dell’incolumità pubblica secondaria rispetto alla tutela degli animali». Lo afferma il Codacons: «Considerato che Martini è il sottosegretario alla Salute dei cittadini e non solo degli animali - sottolinea l’associazi! one - il Codacons ne chiede la rimozione».

Il sottosegretario alla Salute, in una dichiarazione rilasciata all’Ansa e riferendo di colloqui con il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, e con il prefetto di Ragusa, aveva sostenuto: «Sottolineo l’attenzione per la tutela dell’incolumità pubblica con un’azione immediata nel
rispetto delle leggi vigenti ma no alla mattanza incondizionata».

Secondo il Codacons, infatti, «è semmai da terzo mondo che un branco di cani possa andare in giro liberamente ad aggredire e ridurre in fin di vita degli esseri umani senza che questo venga impedito. Inoltre - prosegue l’associazione in una nota - è di tutta evidenza che le forze dell’ordine che stanno attualmente setacciando il territorio non possono essere oggettivamente tutte rifornite di anestetico, non essendo normalmente in dotazione».

Il Codacons, quindi, pur auspicando che i cani randagi vengano tutti catturati o anestetizzati chiede, come previsto dall! e attuali normative, «l’uso di tutti i mezzi per tutelare i cittadini, ivi compreso l’abbattimento».

Alcuni indirizzi codacons
intanto iniziamo a fargli capire quanti siamo
bastano due righe

codacons.milano@libero.it
codacons.info@tiscali.it
donzelli.marcomaria@libero.it






Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl