Palermo - Rifugio del Cane Abbandonato della Favorita sequestrato dai NAS

Palermo - Rifugio del Cane Abbandonato della Favorita sequestrato dai NAS Cari amici Animalisti, ieri mattina il Rifugio del Cane Abbandonato della Favorita, che da anni gestiamo è stato sequestrato dal Nucleo Anti Sofisticazioni dei Carabinieri.

18/mar/2009 17.47.53 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Cari amici Animalisti,
ieri mattina il Rifugio del Cane Abbandonato della Favorita, che da anni gestiamo è stato sequestrato dal Nucleo Anti Sofisticazioni dei Carabinieri.
NESSUN MALTRATTAMENTO E’ STATO RISCONTRATO e lo stato di benessere dei cani è stato riconosciuto perché i cani come chi ci conosce sa bene, sono tenuti in ambienti sì fatiscenti ma con amore e rispetto massimo.
I nostri cani sono tutti dotati di microchip, le femmine sono tutte sterilizzate, escono ogni giorno dai box per sgambare in grandi giardini, i malati sono curati e tutti i cani ricevono croccantini ed acqua fresca ogni giorno.
Inutile raccontare il nostro dolore ed è inutile anche affermare che non ce l’aspettavamo. Prima o poi sarebbe successo perché già da mesi i Carabinieri fanno il loro lavoro sequestrando canili e rifugi non a norma.
E noi non siamo a norma, ma questo non è mai stato un segreto per nessuno. Il Comune di Palermo, il Sindaco di Palermo, gli Assessori compe! tenti, l’ASL veterinaria, la Regione Siciliana, la cittadinanza e perfino nelle nostro sito e nelle nostre richieste d’aiuto inviatevi a mezzo mail e facebook, e nelle interviste al nostro Presidente, non abbiamo mai nascosto né lo sfratto, né la mancanza di autorizzazione sanitaria.
Documenti e domande in carta bollata e raccomandata con ricevuta di ritorno, possono testimoniare che da anni cerchiamo, purtroppo invano, di avere rinnovata la concessione dell’area in cui il Rifugio è nato ben 60 anni addietro e grazie al quale migliaia di cani sono stati salvati da avvelenamenti, da maltrattamenti, da combattimenti, da abbandoni, e ancora tantissimi altri sono stati dati in adozione.
Insieme alle nostre richieste di rimanere nel terreno da cui siamo stati sfrattati, abbiamo dichiarato già da anni la nostra intenzione di mettere a norma il Rifugio, ristrutturandolo secondo i criteri previsti dalla legge. Abbiamo sviluppato, e le autorità competenti ne sono a conoscen! za, un progetto per la ricostruzione del Rifugio: la nostra associazio ne è poverissima, ma con enormi sforzi personali e grazie ad una raccolta di fondi, eravamo sicuri di potercela fare.
Un ringraziamento grandissimo va al nostro Presidente, Elena La Porta, che da vent’anni si batte per migliorare, riuscendoci, le condizioni del Rifugio della Favorita e del benessere animale non soltanto a Palermo ma in tutta la Sicilia, con un fortissimo apporto sia fisico, sia economico sia emotivo, e che oggi purtroppo sia trova a dovere subire una denuncia penale. Tutti noi volontari le stiamo accanto in questo momento difficile.
Sicuramente non potremo più accogliere nessun cane non potendo più così assolvere a quella che da sempre è la nostra missione e che da tantissimi anni dà risposte alla cittadinanza sul fenomeno del randagismo e alle richieste di aiuto di cittadini.
Il sequestro inoltre impedisce l’ingresso della cittadinanza al Rifugio, interrompendo purtroppo il rapporto dei cittadini alla vita del Rifugio e dei cani che ospitiamo. !
Il Rifugio infatti da anni, proprio perché riteneva di non dover nascondere nulla, è stato aperto al pubblico ogni giorno dell’anno.
A nostro malincuore sono interrotte le visite dei cani adottati a distanza.
Le adozioni devono assolutamente continuare, e se mai avete pensato di adottare un cane da un canile, questo è il momento giusto! Le adozioni continueranno solamente nei giorni di mercoledì e venerdì dalle 15 alle 17 ed il sabato dalle 14 alle 17.
Preghiamo inoltre tutti di non bloccare le donazioni perché i nostri 250 cani hanno ancora più bisogno d’aiuto. Noi volontari continueremo a recarci al Rifugio 365 giorni all’anno e continueremo ad accudirli come sempre ed ancora di più. Se è il caso organizzeremo una manifestazione e ci lanceremo in una battaglia legale.
Al fine di non creare confusione, vi prego vivamente di rivolgere qualsiasi tipo di esternazione , commento e domanda soltanto a questo indirizzo mail rifugiofavorita@libero.it e non per ! telefono o su facebook.
In allegato anche il comunicato stampa del nostro Presidente Elena la Porta.
Saluti.
Arianna Ferrante
Volontaria
Lega Nazionale per la Difesa del Cane – sezione di Palermo
Rifugio del Cane Abbandonato della Favorita
Viale Diana, 3 – Palermo
www.legadelcane-pa.org





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl