cani randagi a Marina di Modica

19/mar/2009 22.52.58 LAIKA & BALTO Associazione Onlus Tutela Cani Abban Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
                                                                          

LAIKA & BALTO Associazione Onlus

Tutela cani Abbandonati e altri Animali               

San Giuliano Milanese, 19 marzo 2009

 

Sindaco di Modica, Antonello Buscema

sindaco@comune.modica.rg.it

Signor Prefetto                                                                                          

prefettura.ragusa@interno.it

Associazioni

 

Oggetto: cani randagi a Marina di Modica

 

Abbiamo aspettato qualche giorno nel scrivere la presente per rispetto della famiglia del piccolo Giuseppe Brafa, alla quale ci uniamo al dolore; crediamo non sia facile per nessuno immedesimarsi realmente in un simile situazione.  

 

Una disgrazia (e altre) che non sarebbero dovute succedere, ma ancora una volta è accaduta per una negligenza umana! Per nessuno di noi sarebbe simpatico trovarsi nel bel mezzo di un branco di cani inselvatichiti, ma quando si tratta di persone che uccido e che stuprano gli viene diminuita la pena, quando in una tragedia sono coinvolti i cani, la sentenza è di ucciderli.

 

Troppo comodo arrivare al metodo estremo nell’emergenza (soppressione), per farlo apparire giustificabile, perché non lo è affatto. Non è una novità la situazione degli animali randagi che esiste nelle regioni meridionali del nostro paese, non sono nati oggi i branchi di cani che vivono per le strade e sopravvivono. E’ naturale che non socializzando con l’uomo il loro istinto diventi selvatico e predatore.

 

La colpa di tragedie come quelle avvenute in questi giorni non è dei cani, ma di chi ha tralasciato i più logici provvedimenti e per i quali avrebbe avuto tutto il tempo di attuarli, provvedimenti tra l’altro dettati da una chiara Legge nazionale che servono a “prevenire” ed evitare di trasformare queste disgrazie, a lungo andare, in situazioni di psicosi collettiva.

 

Pensare di rinchiudere questi cani per il resto della loro vita, in anguste gabbie di qualche fatiscente canile, negandogli almeno una parte di quella libertà che hanno avuto dalla nascita, non crediamo sia una logica soluzione, appoggiamo invece le Associazioni che si sono proposte per accogliere questi cani in strutture idonee nel tentare una seria rieducazione.

 

Cogliamo l’occasione per dire che tutti noi contribuenti italiani, animalisti ed Associazioni, ci siamo un po’ stufati di sentirci rispondere che non ci sono i finanziamenti per sterilizzare i randagi o per realizzare strutture idonee per accoglierli. Ci siamo veramente stancati che la realtà dei cani in Italia debba essere sempre messa in seconda linea e la si dimentichi per comodità, tranne quando accade il grave fatto del giorno.

 

Rossana Conti

 

Presidente

LAIKA & BALTO Onlus

 

 

LAIKA & BALTO Associazione Onlus Tutela Cani Abbandonati e altri Animali

Sede legale: Via Pisacane 22 – 20098 San Giuliano M.se (Mi)

Tel. 333.9651570 – e-mail: info@laikanimali.org – web: www.laikanimali.org

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl