Viterbo - Ha un cane, ottiene i domiciliari

25/mar/2009 18.11.34 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Pregiudicato a casa per curare animale.
Quando è stato arrestato per l\`ennesima volta per detenzione di droga a fini di spaccio, il suo cane, un bastardino, è rimasto a casa da solo, senza nessuno che gli desse da mangiare e gli cambiasse l\`acqua nella ciotola. Così un pluripregiudicato di Viterbo ha ottenuto dal giudice per le indagini preliminari gli arresti domiciliari, in modo da poter accudire il proprio animale.

Durante l\`interrogatorio di garanzia, l\`avvocato difensore dell\`uomo ha sostenuto che, in assenza dell\`indagato, che vive solo, il bastardino, rimasto chiuso nella sua abitazione, sarebbe morto di fame e di sete. Il magistrato, mosso a compassione dalla sorte del cagnolino, ha così deciso di concedere al pregiudicato gli arresti domiciliari.

L\`uomo, comunque, non potrà accompagnare il cane a spasso, ma si dovrà limitare ad aprirgli la porta dell\`appartamento per farlo uscire. Una volta soddisfatte le sue esigenze, la bestia tornerà! da sola a casa. Non appena si è diffusa la notizia della scarcerazione di Zena, sembra che molti pregiudicati viterbesi abbiano preso d\`assalto negozi di animali per acquistare cani o gatti.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl