Modena - Cane denutrito e maltrattato sequestrato da guardie zoofile ENPA

Modena - Cane denutrito e maltrattato sequestrato da guardie zoofile ENPA Operazione della Guardie Zoofile dell\'Enpa di Modena che, sulle montagne dell\'Appennino Modenese, hanno soccorso e liberato una cagnolina meticcia di otto anni costretta a subire gravi maltrattamenti.

26/mar/2009 17.33.54 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Operazione della Guardie Zoofile dell\`Enpa di Modena che, sulle montagne dell\`Appennino Modenese, hanno soccorso e liberato una cagnolina meticcia di otto anni costretta a subire gravi maltrattamenti. Iniziate a seguito della segnalazione di un privato cittadino, le indagini delle Guardie Enpa sono durate all\`incirca una settimana; tre sopralluoghi nel corso dei quali i volontari hanno raccolto prove inconfutabili delle vessazioni subite dal povero animale. La cagnolina, infatti, legata a una catena della lunghezza di un metro, era visibilmente denutrita e letteralmente imprigionata all\`interno di un box fatiscente.
Maltrattamenti cosi\` crudeli da indurre il magistrato della Procura di Modena a concedere, subito dopo aver visto le fotografie della meticcia, un mandato di sequestro preventivo. Ottenuto il provvedimento, due Guardie Zoofile dell\`Enpa hanno immediatamente soccorso l\`animale, sottraendolo alla custodia della proprietaria - una donna di 44 anni che non! ha esitato a inveire e aggredire verbalmente le Guardie Zoofile - e affidandolo alle cure del canile di Pavullo (Modena). La donna, invece, dovra\` ora rispondere del reato di maltrattamento di animali.
\`\`Quando siamo intervenute - racconta una delle due Guardie Zoofile Enpa - abbiamo trovato la cagnolina di condizioni disperate; penso che abbiamo fatto appena in tempo a salvarle la vita\`\`. Spugna - la quattrozampe e\` stata cosi\` ribattezzata per via dell\`appetito insaziabile maturato in tanti mesi di digiuni forzati - adesso sta lentamente migliorando e recuperando le energie. \`\`Con l\`occasione - conclude la volontaria - ringraziamo il magistrato della Procura di Modena che ci ha permesso di salvare un essere vivente e di offrirgli l\`opportunita\` di vivere una vita piu\` serena, sottraendolo alla crudelta\` dell\`uomo\`\`.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl