Vittorio Rombol - Chi la bestia?

Un romanzo che ha ottenuto attenzioni, consensi mediatici e molte recensioni in varie parti d'Italia, a seguito, tra l'altro, del "chi è la bestia in tour", tramite il quale si è sapientemente congiunta la presentazione del libro ad interessanti e sensibilizzanti dibattiti inerenti la peculiare problematica di cui si rimanda ai contenuti del libro.

14/apr/2009 19.59.50 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
“Chi è la bestia?” è un romanzo-denuncia dello scrittore romano Vittorio Rombolà, edito dalla Casa Editrice Pagine.
Un testo duro, commovente, agghiacciante, originale, capace di emozionare anche i lettori più indifferenti nei confronti del mondo animale.
Un lavoro frutto di approfondite ricerche da parte dell’autore, che fa luce sul fenomeno della “lotta clandestina fra cani” e su molte altre atrocità perpetrate nei confronti del migliore amico dell’uomo.
Un romanzo che ha ottenuto attenzioni, consensi mediatici e molte recensioni in varie parti d’Italia, a seguito, tra l’altro, del “chi è la bestia in tour”, tramite il quale si è sapientemente congiunta la presentazione del libro ad interessanti e sensibilizzanti dibattiti inerenti la peculiare problematica di cui si rimanda ai contenuti del libro.
Tra le tappe più significative del “chi è la bestia in tour”, si annoverano quelle di Grosseto, Acquedolci (ME) e le cinque tappe romane, una delle quali tenutas! i presso il Grand Hotel del Gianicolo, in un evento culturale presentato dal Sen. Stefano De Lilllo.

Con questo libro, Vittorio Rombolà, non si allinea su posizioni “politiche” e “ruffiane” che, a priori, si schierano dalla parte degli animali e contro gli uomini, ma ha voluto, esclusivamente, far luce su alcuni aspetti di un fenomeno che oggettivamente – e non soggettivamente – è vergognoso e condannabile.
L’autore, tra l’altro, si è avvalso, in seno e solo su alcuni aspetti prettamente tecnici, dell’apporto ratione materiae di veterinari e responsabili di Enti ed Associazioni Animaliste.
A tal proposito, nel libro viene anche evidenziato il grande sforzo da parte dei cosiddetti “Centri di Recupero”, che, attraverso un concreto e fattivo utilizzo di programmi rieducativi, attuano un recupero fisico e psicologico dei cani lottatori o di quelli che, comunque, hanno subito danni psicofisici.
I cani così riabilitati e “recuperati”, possono essere affidat! i a famiglie o adottati a distanza, affinché la loro triste storia rim anga un vago ed annebbiato ricordo di un’ indegna “vita da cani”.

Nel romanzo “Chi è la bestia?”, Ettore, un cane da combattimento di quasi trenta chili, racconta la sua triste e violenta storia, in un libro nel quale il racconto si alterna con la cronaca.
“(…) un meticcio di circa due anni. Un incrocio tra un Pit Bull e un Rottweiler. Ha il pelo corto, di colore marrone scuro. L’ampia testa squadrata poggia su un collo massiccio. Gli arti sono robusti e muscolosi. La coda è mozza e lesa, così come le diritte orecchie (…) un profondo taglio vicino alla coda mostra ancora un po’ di scuro sangue rappreso, laddove il pelo è stato rasato e … mangiato.
Anche sulla schiena ci sono molte ferite: alcune sono cicatrici lunghe e sottili, altre veri e propri fori neri. Sul muso, sotto l’occhio destro, una vistosa cicatrice sembra quasi separare la guancia in due lembi di pelle frettolosamente incollati per rivestire il cranio dell’animale.
La sua cuccia è sita nell! ’angolo di uno scantinato, pervaso da odor di muffa e di escrementi (…)” (estratto dal romanzo “chi è la bestia?” – Casa Editrice Pagine).

La vita di Ettore si dipana, pertanto, tra dolore, sofferenza, lotte, torture subite e tanto sangue … immondo prezzo da scontare, affinché l’uomo/bestia possa appagare la sua avidità pecuniaria.
“Chi è la bestia?”, un titolo/domanda, un quesito retorico, ove la risposta, relativamente ai fatti descritti nel libro, è unica ed inequivocabile: l’uomo.
Romanzo, denuncia, saggio e racconto, ma soprattutto un grido di accusa e di speranza per bocca di chi, per ora, sa solo abbaiare.


IL CORTO CINEMATOGRAFICO

Tratto dal summenzionato romanzo, il corto cinematografico si prefigge e si augura di addivenire un evento mediatico in perfetta sintonia con lo spirito che ha originato l’input per la stesura del libro.
Così come il “cartaceo” si è configurato a stregua di romanzo-denuncia, l’operato filmistico m! anterrà le caratteristiche di cui trattasi e di cui si è, fin qui, tra ttato.
Il geniale occhio registico di Aiman Sadek, coadiuvato da un gruppo di tecnici di indubbio ed elevato spessore artistico, presenzierà e dirigerà i lavori con dedizione e prolificità.
Continuerà – tra l’altro – il “chi è la bestia in tour”, di cui al paragrafo precedente, che sarà ampliato e complementato dalla proiezione del film, in aggiunta ai consueti dibattiti vertenti lo specifico settore.
Sono, altresì, progettate e progettualizzabili, partecipazioni a Concorsi e a Premi ratione materiae.
Il team tecnico – altamente qualificato - che ha lavorato e sta lavorando a questo progetto consta, tra gli altri, di:

Vittorio Rombolà (autore del libro, sceneggiatore e autore),
Aiman Sadek (regista),
Gabriele Saffiotti (musicista, addetto alla colonna sonora),
Ilario Schina (addetto al montaggio),
Frediano Iraci Saveri (direttore della fotografia).

(comunicato stampa redatto a cura dell’autore Vittorio Rombolà)

! “CHI E’ LA BESTIA?”
(Casa Editrice Pagine)

Casa Editrice Pagine
Via Gualtiero Serafino 8 - Roma
Tel. 06/45468600 - Fax: 06/39738771

Editore: Dott. Luciano Lucarini





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl