Caltanissetta - Cresce il numero di cuccioli abbandonati

Chi abbandona un animale commette un grave reato e in base alla Legge 189/04 può essere punito con l\'arresto fino a un anno o con un\'ammenda sino a 10.000 euro.

14/apr/2009 20.24.40 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Continua inarrestabile il crudele fenomeno degli abbandoni di cucciolate(spesso nate da poche ore o giorni) nel Comune di Caltanissetta. Chi abbandona un animale commette un grave reato e in base alla Legge 189/04 può essere punito con l\`arresto fino a un anno o con un\`ammenda sino a 10.000 euro. Purtroppo chi abbandona un cane, un gatto o un\`intera cucciolata sa bene che difficilmente sarà scoperto, denunciato e condannato. Quest\`assoluta ed arrogante certezza di non essere puniti, consente persino che tale reato si consumi in luoghi dove mai si penserebbe di assistere al furto di un\`auto o ad uno scippo come già successo in passato dinanzi al locale Comando di Polizia Municipale. Non ci si aspetterebbe neppure che reati di una certa gravità come l\`abbandono di animali domestici, possano essere commessi con una tale frequenza e molto spesso in pieno giorno senza che nessuno si accorga di niente o denunci l\`accaduto a Carabinieri, Corpo Forestale o Polizia.
Eppu! re tutto questo succede quasi ogni giorno nella nostra città. Numerosissime le telefonate che giungono ai vigili urbani ed alle Associazioni animaliste che ormai possono soltanto fornire dei consigli su come prestare assistenza agli animali ritrovati. Spostandoli ad esempio in luoghi meno pericolosi di una strada ad alta densità di traffico o l\`interno di un cassone dell\`immondizia dove rischierebbero di finire triturati insieme ai rifiuti e provvedendo, anche con la collaborazione dei volontari, alla loro cura e sostentamento in attesa che i cuccioli raggiungano l\`età minima per essere sterilizzati.
E\` di oggi alle ore 16(13-04-2009) l\`ultimo ritrovamento avvenuto su segnalazione di un cittadino al Nucleo prov.le della Lega Italiana per i Diritti dell\`Animale ed al locale Comando di Polizia Municipale che denunciava la presenza di cinque cuccioli non ancora svezzati all\`interno di una cassetta per gli attrezzi davanti un ambulatorio veterinario in via S.G.Bos! co. Appena due giorni fa uno scatolo con sette cuccioli veniva recuper ato dai volontari L.I.D.A. davanti un noto supermercato alla zona industriale. Cinque giorni fa due cuccioli ritrovati fra un cumulo di sacchi della spazzatura in contrada Niscima e sei in viale della Regione vicino ad un cassonetto per l\`immondizia. Due settimane fa altri tre cuccioli nel quartiere Santa Flavia e quattro in contrada Prestianni. Il 3 Marzo scorso nel piazzale antistante lo stadio comunale \"Marco Tomaselli\" sono stati addirittura 8 i cuccioli di appena 3 giorni di vita salvati da volontari ormai stanchi e provati dalla strenuante attività portata avanti da più di un anno con grandissimi sacrifici anche economici.
\"Non siamo più in grado di sostenere questo stato di cose\" ,dichiara Maria Carmisciano segretario L.I.D.A.
\"La nostra Associazione fino adesso ha cercato di intervenire ogni volta che ve ne sia stata necessità-continua il segretario L.I.D.A.- e trovato casa a quasi duecento cuccioli durante le frequentissime giornate del cucciolo organi! zzate nelle piazze della nostra città \".
Ancora più dura la reazione del presidente Salvatore Colonna: \"Siamo stati letteralmente ignorati. Non un solo servizio di controllo è stato effettuato sull\`iscrizione dei cani padronali all\`anagrafe canina da parte delle Polizie locali. Solo promesse cui purtroppo non è seguita una seria attività di contrasto al fenomeno dell\`abbandono. Eppure noi siamo ancora fermamente convinti che le autorità competenti abbiano il dovere di attivarsi con estrema urgenza per dare un segnale forte a tutti coloro che non rispettano la legge procurando gravissime sofferenze ad esseri viventi che non hanno voce per far valere i propri diritti. Anche se a malincuore, è inevitabile a questo punto sospendere l\`attività di recupero di cani e gatti abbandonati fino a quando non riusciremo a dare in adozione i quarantadue cuccioli di cui ci stiamo prendendo cura. Continueremo invece a garantire assistenza legale a chiunque intenda denunciare abusi! compiuti ai danni degli animali e a svolgere la nostra attività press o l\`Ambulatorio Veterinario Comunale\".
Chiunque fosse interessato ad adottare un cane o un gatto, diventare volontario o guardia zoofila della L.I.D.A. o semplicemente sostenere i nostri progetti, può contattare l\`Associazione telefonando al numero 334.2332583 o scrivendo all\`indirizzo di posta elettronica: lidacaltanissetta@fastwebnet.it















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl