[Novit dal Corpo Polizia Ecozoofila Sicilia] Rapporto visita del 15/04/09 effettuata al RIFUGIO LA CUCCIA dai volontari.

15/apr/2009 18.24.15 Corpo Polizia Ecozoofila AUD Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
fermo restando la situazione della struttura del sito che risulta inalterata, durante la nostra visita al rifugio avvenuta dalle 10.30 alle 12.30 (erano presenti 3 volontarie):

• È arrivata l’autobotte con l’acqua che gi� � ieri pomeriggio aveva riempito i silos, e una volta che noi volontari entrando nel sito abbiamo verificato che i silos erano ancora pieni (uno da 5mila litri, e due da mille), l’autobotte se n’è andata con l� �appuntamento di ritornare venerdì mattina;
• Il personale del comune ci ha fornito circa 70 kg di mangime secc o già mischiato in bidoni con acqua cui abbiamo aggiunto circa 20kg di carne da noi portata in loco, per poi distribuirla ai cani nelle varie zone della struttura; abbiamo inoltre somministrato ad un paio di elementi particolarmente deboli il cibo direttamente in bocca;
• Abbiamo controllato i secchi d’acqua e distribuito nuovi secchi carichi di acqua laddove non ve ne fosse a sufficienza;
• Abbiamo distribuito cartoni sulla superficie ricoperta di fango e feci per non fare stare i cani con le zampe costantemente immerse nelle feci e fango;
• Ho raccolto e buttato 3 carcasse di ratto morto, di cui una sbude llata;
• Ho indicato al personale del comune due elementi particolarmente bisognosi di intervento veterinario (una cagna con la coda completamente strappata via da un morso che mostrava la carne viva e sanguinante, e un maschio con una voluminosa massa lateralmente posta in faccia come un ascesso);
• Mi son sentita rispondere da codeste persone che davano a me la c orda per acchiappare i cani e che dovevo portarli da dentro fin sul cancello e che poi loro li avrebbero fatti salire sul furgone per portarli all’asl;
• Ho preso nella mischia con stancante opera di caccia (non è il mio lavoro) i soggetti indicati e li ho fatti caricare sul furgone nonostante non fosse compito mio;

Ciò detto, vi chiedo:

• Se noi volontari non ci fossimo organizzati per alternarci per “affiancare” il personale del comune a fare il loro lavoro, in che condizioni sarebbero i cani? Non ho mai visto entrare il personale suddetto che si mantiene sempre al di fuori del cancello e forse ora, cosciente della nostra presenza evita anche di fare ciò per cui è pagato; non è che la nostra disponibilità ad aiutare sia stata tr oppa, o troppo fraintesa e adesso la situazione paradossalmente si sta rivoltando contro di noi? Siamo noi i responsabili? Siamo noi che dobbiamo segnalare la presenza di animali con parti di carne scoperti? Siamo noi che dobbiamo distribuire il cibo in simil-ciotole camminando in mezzo agli escrementi che nessuno del personale comunale provvede a togliere? Vorrei precisare che una cosa è affiancare il personale comunale per fare queste cose magari indicandogli il come, il dove, o il chi, dato che ci sono storie di sofferenza dietro ad ognuno di quegli elementi, e un’altra cosa è che siamo solo noi volontar i ad entrare, a distribuire il cibo, di cui la metà messo di nostre tasche, a cambiare l’acqua, a caricare l’acqua dalla botte, a pulir e gli escrementi e distribuire cartoni e giornali per pulire i giacigli, ad avere le attenzioni di badare personalmente ad alcuni soggetti troppo deboli o le attenzioni di sullo stato di salute di ogni cane tanto da individuare i soggetti con ferite o altro e portarli fuori fino al furgone!!!
• È possibile distribuire parte di questi cani in altre strutt ure che diano la loro disponibilità ad accoglierne un numero anche se minimo, anche se le strutture suddette non sono perfettamente a norma? Visto e considerato che l’unica struttura a Palermo riconosciuta a norma è già in soprannumero? E soprattutto visto e considerato che qualunque alta struttura non a norma sia comunque un paradiso rispetto al rifugio in questione?
• In alternativa a questo ultimo punto, se noi associazioni di volontariato trovassimo sul territorio italiano la disponibilità di posti in canili a norma, non ci dovrebbero essere problemi per il comune per trasferire parte dei soggetti in codesti canili, no?
• Se non si fa una campagna di adozioni, con schede preparate e fot o e dati dell’animale, come si può pretendere che le persone venga no a bussare dietro la porta del rifugio in mezzo al fango per prendersi i cani con se?
• Se è vero che in fase di sterilizzazione tutti i cani sono p assati dall’Asl e che sono stati schedati (essendo già microchippati, sono stati fotografati, indicando sesso, età e mantello) perché queste schede non sono già pubbliche per poter facilitare e accelerare le adozioni?

Noi volontari possiamo tamponare al rifugio offrendo il nostro aiuto del tutto volontario, non pagato, non dovuto e soltanto mosso da legge morale che nessuno ci insegna e che nessuno scritto ci obbliga a rispettare, ma non possiamo farlo in eterno, possiamo farlo, affiancando chi lo deve fare, per il tempo margine che serve per fare uscire i cani da li, o per portarli in altri rifugi o per farli adottare tramite campagne basate su schede individuali.

Marianna Buffa
349/5838651
info@poliziaecozoofilasicilia.it



Msg sent via ArubaMail- http://www.aruba.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl