Abruzzo - Lamento Rumeno Onlus - Intervento L'Aquila

26/apr/2009 20.01.24 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Situazione caotica e piuttosto disorganizzata quella riscontrata a l’Aquila.
Un caro ringraziamento a Paolo Migliaccio della Lav e collaboratori che ci ha dato l’opportunita’ di renderci utili finalizzando l’obiettivo per cui c’eravamo recati sul posto.
Abbiamo visitato le tendopoli facendo un censimento delle persone ospitate con animali da compagnia.
Coppito, S.Marco, Colle, Preturo, Casilina, Pozza, sono le zone in cui abbiamo portato le donazioni raccolte, dando alle persone cibo, antiparassitari, ciotole, collari, guinzagli e trasportini.
Nelle zone limitrofe a l’Aquila ci sono paesi evacuati dove sono ancora presenti animali; alcuni di questi ricevono cibo dai proprietari che avendo abbandonato le loro case per raggiungere le tendopoli, si recano periodicamente sul posto; una situazione difficile, monitorata per quanto possibile dai volontari.
Abbiamo distribuito cibo e quando possibile fatto il trattamento antiparassitario ai cani e gatti che abb! iamo incontrato nelle zone evacuate.
Episodio spiacevole quello riguardante un cane da noi ritrovato abbandonato sul retro di un’abitazione che i vicini hanno riferito essere in quelle condizioni da circa un mese.
Il cane, alquanto anziano, in stato di shock, con una forma tumorale cronica avanzata e’ stato da noi soccorso e trasferito presso il presidio veterinario della tendopoli di Centicocella. Inispiegabile la scelta di dimettere il cane una volta stabilizzato; incomprensibile il rifiuto di accettare la donazione di una considerevole quantita’ di materiale sanitario da noi raccolto per l’occasione con la giustificazione che la prassi non lo prevede.

Ci siamo recati alla tendopoli di Piazza d’Armi, senza poter beneficiare dell’aiuto di nessun medico essendo arrivati dopo le ore 20.00; nessun presidio veterinario e’ disponibile 24 ore su 24.

Dopo numerosi tentativi e decine di chiamate senza riscontro, ci siamo quindi diretti a Villa Sant’Angel! o.

Ringraziamo sentitamente la Protezione Civile Sezione Alpi ni dell’Emilia Romagna, in particolare il Sig. Walter Tinelli, che alle ore 23, dopo un’estenuante viaggio iniziato all’alba ed una giornata davvero impegnativa, ha dato ospitalita’ a noi e al cane.
Trasferito presso Unita’ Sanitaria Veterinaria di Collemaggio domenica mattina, il cane e’ deceduto il giorno seguente.

Non avendo la possibilita’ di effettuare un emocromo sul posto, abbiamo portato a far analizzare il siero a Piazza d’Armi senza alcuna utilita’.

Manifesto una certa perplessita’ in merito alla morte del cane, sopravvissuto per un mese in quello stato, seriamente malato abbandonato a se stesso al freddo, adagiato in una buca profondissima, improvvisamente morto dopo essere stato ristabilizzato, in un presidio veterinario dove avrebbe dovuto essere costantemente monitorato.

Grazie per la collaborazione a Renato Brusa, Fioretto Yari, le veterinarie Rita e Chiara.

Laura Pontini

Lamento Rumeno Onlus
















Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl