Martini: si revochi la multa alla donna che ha nutrito un randagio

22/giu/2009 19.42.25 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il sottosegratario alla Salute interviene sul caso accaduto in Sardegna.
Stranezze della burocrazia italiana: a Siliqua, in provincia di Cagliari, una anziana è stata multata per avere dato da mangiare per strada ad un cane, in contrasto con il divieto imposto dal sindaco di dare del cibo ai randagi. Il sottosegretario alla Salute Francesca Martini in una nota \"disapprova\" l’accaduto dicendosi «veramente sorpresa dell`ennesima iniziativa di un sindaco che, anziché esercitare le competenze attribuitegli dalle leggi di questo Paese per debellare il randagismo canino e tutelare gli animali, che ne sono vittime e non responsabili, non trova altra soluzione che privare i cani randagi del fondamentale diritto alla alimentazione e, quindi, alla sopravvivenza. Il sindaco di Siliqua provveda, piuttosto - afferma Martini - a catturare gli animali nel rispetto della loro salute e a sterilizzarli».

Il sottosegretario auspica, inoltre, la massima collaborazione con le ass! ociazioni di protezione degli animali a tutti i livelli istituzionali. «Privare gli animali del sostentamento rientra nel reato di maltrattamento e non risolve il problema del randagismo perché si scontra con i principi di salvaguardia e tutela del benessere animale, nonché nel corretto rapporto uomo-animale.»Nell`esprimere solidarietà e appoggio alla signora ingiustamente penalizzata, Francesca Martini dichiara di voler intervenire nei confronti dell`amministrazione comunale per richiedere l`immediata revoca del provvedimento sindacale.





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl