DallUngheria a Milano, lodissea di 193 cani

27/ott/2009 18.03.18 Associazione AmiciCani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Quasi un centinaio, 98 per la precisione, erano già stati venduti. Gli altri 95 sono stati trovati dai carabinieri del Nas di Milano in una decina di box appena arrivati dall’Ungheria. I musetti spaventati e il pelo arruffato, 193 cuccioli di razza erano stati importati illegalmente per essere rivenduti da un allevamento di San Giuliano Milanese, già segnalato nel settembre del 2008 per maltrattamento di animali. In questo caso, i cani sono stati trovati in buone condizioni e per questo non sono stati sequestrati. Dopo aver pagato una multa intorno ai 100mila euro e dopo averli sottoposti ai controlli veterinari, i titolari dell’allevamento potranno venderli regolarmente.

La scoperta è stata effettuata nel weekend dai militari del Nas di Milano, guidati dal capitano Paolo Belgi, insieme agli esperti dell’Asl di Melzo. Nella struttura si trovavano solo 95 dei 193 esemplari arrivati giovedì scorso dall’Ungheria: barboncini, bulldog, carlini, bassotti, chiwawa, tutti d! i poche settimane. Gli altri 98 erano già stati veduti e ora i carabinieri stanno cercando di rintracciare gli ignari padroni dal momento che nessuno dei cani è stato vaccinato.

Nel settembre 2008 i due titolari della stessa struttura erano già stati segnalati alle autorità insieme a un veterinario. I tre erano stati indagati per aver importato illegalmente sempre dall’Ungheria 155 cuccioli e per averne dispersi 40, già sottoposti a vincolo sanitario. Le indagini avevano messo in luce le modalità con cui agivano i soggetti segnalati: i cani venivano introdotti dall’Est Europa senza essere registrati presso l’ufficio veterinario per gli adempimenti comunitari del ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali. Giunti in Italia, gli animali venivano registrati con una falsa documentazione sanitaria e di provenienza, emessa senza effettuare gli opportuni accertamenti sullo stato di benessere dei cuccioli.

di Alessandro Ferrari





Altre notizie sul sito http://www.amicicani.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl