Colpi di fucile contro l’Uomo della buca, ultimo sopravvissuto di una tribù amazzonica incontattata

L'incidente è avvenuto il mese scorso a Tanarú, un territorio indigeno nello stato amazzonico di Rondônia, in Brasile, ma se ne è avuta notizia solo ora.

09/dic/2009 13.51.10 Survival Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA DI SURVIVAL INTERNATIONAL

9 dicembre 2009


Colpi di fucile contro l’Uomo della buca, ultimo sopravvissuto di una tribù amazzonica incontattata


La casa e l’orto in cui l’Uomo della
Buca coltiva manioca e altri vegetali.
© J. Pessoa

L’ultimo sopravvissuto di una tribù amazzonica sconosciuta e incontattata è stato attaccato da un gruppo di uomini armati.

 

L’incidente è avvenuto il mese scorso a Tanarú, un territorio indigeno nello stato amazzonico di Rondônia, in Brasile, ma se ne è avuta notizia solo ora.

 

Non si sa se i sicari volessero uccidere l’Indiano o solo metterlo in fuga. Ma i mandanti più probabili dell’attacco sono gli allevatori dell’area che si oppongono agli sforzi compiuti dal governo per proteggere il suo territorio.

 

I funzionari del FUNAI, il dipartimento agli affari indiani del governo brasiliano, si sono accorti che il rifugio in cui l’uomo si nascondeva in caso di pericolo era stato saccheggiato e hanno trovato cartucce di fucile da caccia sparse lì vicino, nella foresta.

 

La polizia ha indagato sull’incidente, ma per ora nessuno è stato accusato.

 

“La situazione è molto grave” ha dichiarato Altair Algayer, un funzionario del FUNAI. “Per difendere gli interessi degli allevatori è stata messa in pericolo la vita dell’Indiano.”


Il FUNAI ritiene che l’Uomo della Buca sia sopravvissuto all’attacco.


L'indiano è stato soprannominato “Uomo della buca” perché scava delle buche di diversi metri di profondità sia per catturare gli animali sia per nascondersi in caso di intrusioni. Si ritiene che sia l'ultimo sopravvissuto del suo popolo, una tribù massacrata dagli allevatori negli Anni Settanta e Ottanta.

 

Le uniche immagini disponibili dell’Uomo della Buca sono state fugacemente catturate dal produttore cinematografico Vincent Carelli. Carelli le ha utilizzate nel suo film “Corumbiara” che documenta il genocidio degli Akuntsu e di altre tribù nella regione.

 
Immagini esclusive dell’Uomo della Buca.© V. Carelli

“La sua tribù è stata massacrata e ora l’Uomo della Buca rischia la stessa sorte” ha dichiarato oggi il Direttore Generale di Survival International Stephen Corry. “Gli allevatori devono lasciare che quest’uomo viva gli ultimi giorni della sua vita in pace, nella sua terra, e le autorità devono fare tutto quanto è in loro potere per proteggerlo.”

 

Fiona Watson, direttrice del dipartimento Ricerche di Survival, è stata nell’area ed è disponibile per interviste.


Per leggere la storia online: http://www.survival.it/notizie/5346

Dal 1969 Survival International aiuta i popoli indigeni di tutto il mondo a proteggere le loro vite, le loro terre e i loro fondamentali diritti umani.
www.survival.it

Per ulteriori informazioni e immagini, o per utilizzare la foto allegata:
Francesca Casella:
Survival Italia, Via Morigi 8, 20123 Milano
T (+39) 02 8900671
E
ufficiostampa@survival.it

Oppure Miriam Ross (in inglese): 
T (+44) (0) 207 6878734
E
mr@survivalinternational.org


Privacy: il suo indirizzo e-mail è utilizzato esclusivamente per l’invio dei comunicati stampa di Survival e è gestito elettronicamente. I suoi dati non verranno in nessun caso ceduti a terzi.

Se desidera ricevere solo alcuni dei nostri comunicati stampa,
aggiorni il suo profilo autonomamente e selezioni i campi di interesse.

Per cancellare l'indirizzo <<Email Address>> dalla lista, clicchi qui.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl