Risultati dell'Indagine Congiunturale del Settore Impiantistico

Le previsioni per il secondo semestre del 2009 sono negative in egual misura per entrambi i comparti.

10/dic/2009 10.30.54 Ufficio Stampa Assistal Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Si è chiusa la prima indagine congiunturale semestrale di Assistal nell’ambito del Progetto ODESI, l’Osservatorio sulle Dinamiche Evolutive del Settore Impiantistico.
Dai dati relativi a questa prima indagine non emergono segnali incoraggianti.
Le difficoltà del comparto, infatti, sono evidenti principalmente per due ordini di motivi: il primo strettamente legato alla crisi economica, il secondo più dovuto a criticità tipiche del comparto che dalla crisi sono state ulteriormente acuite.
Ci riferiamo a caratteristiche ormai note, quali la marginalità ridotta; le gare al massimo ribasso; la flessione del comparto delle costruzioni; nonché delle difficoltà dovute all’accesso al credito e ancora, al calo di investimenti nelle infrastrutture.
I numeri, infatti, confermano che il 2010 si presenterà come un anno difficile per le imprese impiantistiche, un anno che registrerà forse un andamento ancor più negativo del 2009.
Entrando nello specifico dei risultati dell’indagine, possiamo vedere come il 59.5% delle imprese abbia subito una riduzione del fatturato e il 61.5% abbia registrato una riduzione del portafoglio ordini nel primo semestre 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008.
Un andamento negativo è previsto anche per il secondo semestre 2009 sia per quanto riguarda il fatturato che il portafoglio ordini.
Particolarmente rilevante risulta il dato relativo al calo di questi due indici nel secondo semestre di quest’anno che sottolinea il persistere di un andamento negativo.
Sul fronte occupazionale, le previsioni mettono in evidenza come il 28% delle imprese stimi una diminuzione nel numero di addetti. Si tratta di un dato al ribasso che non fa presagire indicazioni positive per il 2010.
In questo momento, dai segnali che provengono dalle imprese, non si intravedono indicatori a favore di una ripresa.
I deboli cenni positivi provenienti dal settore dell’industria e delle costruzioni fanno sperare in una inversione di tendenza che però non potrà arrivare prima della seconda metà del prossimo anno.
 
 
Analisi settoriale
L’analisi settorialedel comparto mette in evidenza come, nel primo semestre del 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008, fatturato e portafoglio ordini abbiano subito una forte contrazione che ha investito entrambi i macro comparti impiantistici: meccanico ed elettrico.
Le previsioni per il secondo semestre del 2009 sono negative in egual misura per entrambi i comparti.
 
Analisi dimensionale
Anche a livello dimensionale si conferma la forte contrazione del comparto che colpisce in maggior misura le imprese più strutturate che superano i venticinque addetti.
Quasi il 15% in più, infatti, delle imprese con più di venticinque addetti prevedono un calo del fatturato per il secondo semestre del 2009 in misura maggiore rispetto alle imprese di dimensioni inferiori.
 
Analisi territoriale
L’andamento negativo è analogo su tutto il territorio nazionale.
In particolare il centro risulta essere l’area maggiormente colpita con un calo del fatturato maggiore rispetto alla media delle imprese a livello nazionale.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl