Survival nomina il vincitore del Premio “Greenwashing” 2010

20/gen/2010 11.19.08 Survival Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA DI SURVIVAL INTERNATIONAL

20 gennaio 2010


Survival nomina il vincitore del Premio “Greenwashing” 2010


   Il "Survival Greenwashing Award 2010" è stato vinto
   dalla compagnia brasiliana Yaguarete Porá. © Survival

Survival ha assegnato il “Premio Greenwashing” 2010 alla Yaguarete Pora S.A., la compagnia brasiliana che sta radendo al suolo la terra di una tribù incontattata del Paraguay.

La Yaguarete Pora ha conquistato il premio “per aver spacciato la distruzione massiccia di un’enorme area della foresta degli Ayoreo per un nobile gesto di conservazione dell’ambiente” ha spiegato il direttore di Survival Stephen Corry.

La Yaguarete possiede 78.549 ettari di foresta all’interno del territorio ancestrale della tribù degli Ayoreo-Totobiegosode. Dopo la diffusione di alcune immagini satellitari che mostravano la distruzione di centinaia di ettari da parte dei bulldozer della compagnia, la Yaguarete ha diffuso un comunicato stampa annunciando l’intenzione di creare una “riserva naturale”.

I documenti di progetto sottoposti dalla Yaguarete al Ministero dell’Ambiente, tuttavia, dimostrano che, all’interno di questa riserva, l’ammontare di “foresta ininterrotta” salvaguardata ammonterebbe ad appena 16.784 ettari su un totale di 78.549, e che, di fatto, la compagnia progetta di spianare e convertire circa due terzi del territorio in pascoli per il bestiame.

Guarda la mappa del progetto della Yaguarete.


Alcuni dei Totobiegosode già contattati hanno condannato con veemenza i progetti della compagnia sottolineando quanto essi violino in realtà i loro diritti sia secondo la legislazione paraguaiana sia secondo quella internazionale. I Totobiegosode rivendicano i diritti legale sulla loro terra ancestrale sin dal 1993, ma la maggior parte rimane ancora in mani private.

I Totobiegosode sono i soli Indiani isolati del mondo che stanno perdendo le loro terre a vantaggio dell’allevamento di bestiame da macello.

“Questa è un’operazione di ‘greenwashing’ da manuale” ha commentato Stephen Corry. “Prima si spiana la foresta e poi si decide di tutelarne una piccola parte a scopo pubblicitario. Ma il pubblico non ci cascherà. La Yaguarete dovrebbe smettere di agire illegalmente e dovrebbe andarsene dal territorio dei Totobiegosode una volta per tutte”.


Ascolta il racconto del primo drammatico incontro degli Ayoreo isolati con i bulldozer: La bestia con la pelle di metallo.



Per leggere la storia online: http://www.survival.it/notizie/5437

Dal 1969 Survival International aiuta i popoli indigeni di tutto il mondo a proteggere le loro vite, le loro terre e i loro fondamentali diritti umani. www.survival.it

Per ulteriori informazioni e immagini, o per utilizzare la foto allegata:
Francesca Casella:
Survival Italia, Via Morigi 8, 20123 Milano
T (+39) 02 8900671
E
ufficiostampa@survival.it

Oppure Miriam Ross (in inglese): 
T (+44) (0) 207 6878734
E
mr@survivalinternational.org


Privacy: il suo indirizzo e-mail è utilizzato esclusivamente per l’invio dei comunicati stampa di Survival e è gestito elettronicamente. I suoi dati non verranno in nessun caso ceduti a terzi.

Se desidera ricevere solo alcuni dei nostri comunicati stampa,
aggiorni il suo profilo autonomamente e selezioni i campi di interesse.

Per cancellare l'indirizzo pubblica@comunicati.net dalla lista, clicchi qui.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl