LETTERA APERTA AI MEZZI DI INFORMAZIONE

Per quanto riguarda, più propriamente, l'intervista all'ex fedele che ha dato origine alla perquisizione, del quale non è fatto il nome ma che è stato immediatamente riconosciuto, si osserva che a questi i cronisti si sono dimenticati di chiedere "quando è stato fedele e per quanto tempo".

25/mag/2010 17.50.51 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La contestualità tra l’atto di Polizia Giudiziaria, la perquisizione e la campagna di stampa contro la Chiesa di Scientology, obiettivamente lascia pensare che si tratti di una cosa ben organizzata, quanto illegittima da parte di chi l’ha orchestrata, in questo modo utilizzando ai suoi fini i pubblici poteri. 

Tanto risulta, senza dubbio alcuno, mettendo in relazione i tempi d’uscita della prima intervista apparsa sul quotidiano La Stampa con quelli della perquisizione e la circostanza che il giorno dopo la perquisizione e sequestro, praticamente tutti i media dichiaravano di essere a conoscenza dei contenuti dei documenti sequestrati e, se il sig. Luca Poma non millanta, addirittura era il Questore a telefonargli per comunicargli, prima ancora che le cose sequestrate fossero sottoposte al vaglio della Magistratura, che erano stati rinvenuti i suoi fascicoli personali e, addirittura, che dentro c’era la lettera con cui aveva chiesto che i suoi dati fossero distrutti. 

Pare poco credibile che il Questore, resosi conto di quanto sequestrato, sia andato a cercare il sig. Luca Poma per avvertirlo che quel fascicolo sarebbe stato rinvenuto. 

Tutte queste situazioni depongono per dimostrare che si tratta di un’indagine dai connotati anomali, svolta per lo più a mezzo stampa e non a caso, per perseguitare una minoranza religiosa in crescita, con buona pace della legge Mancino. 

Del resto la campagna su La Stampa ne conferma l’intenzione. Per quello che riguarda La Stampa la comunità di Scientology ne prenderà le distanze, risultando con chiarezza che il quotidiano torinese non ha scelto di informare, ma ha scelto di essere un nemico. Concorre anch'esso, dunque, alla persecuzione di Scientology. 

Per quanto riguarda, più propriamente, l’intervista all’ex fedele che ha dato origine alla perquisizione, del quale non è fatto il nome ma che è stato immediatamente riconosciuto, si osserva che a questi i cronisti si sono dimenticati di chiedere “quando è stato fedele e per quanto tempo”. Avrebbero facilmente scoperto che l’intervistato da ormai sette anni riferisce solo per sentito dire cose avvenute anni prima di quando è diventato fedele e risalenti a oltre venti anni prima. In sostanza, se fosse stato fatto questo accertamento sul tempo, sarebbe risultata chiara l’inattualità di quanto dichiarato dal “collaborante” e, di conseguenza, l’assenza di ogni interesse all’indagine. 

Precisato che all’epoca delle vicende “On. Violante e Don Ciotti” non c’era la legge sulla privacy, e che di per sé non è vietato raccogliere informazioni pubbliche su persone pubbliche, non sono mai esistiti fascicoli segreti o contenenti dati privati relativi all’On. Violante o a Don Ciotti. 

Mentre per quest’ultimo non c’è mai stato nulla, per l’On. Violante la posizione della Chiesa è stata pubblicata in un'edizione di Diritti dell’Uomo, uscita nel 1990, circa 5 o 6 anni prima che l’intervistato divenisse un fedele. 

Allo stesso modo non risulta che siano stati trovati “fascicoli segreti” contro “nemici”, contro “ex familiari”, contro “magistrati”, contro “giornalisti” o contro chiunque altro, ma gli unici fascicoli esistenti relativi ad un “contro”, sono quelli relativi agli “abusi psichiatrici” raccolti dal responsabile locale del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus, associazione per la tutela dei diritti in ambito psichiatrico. 

Se si esamina il tutto con attenzione, risulta che la Chiesa torinese non ha mai violato il segreto confessionale. Non solo, non risultano pendenti procedimenti o azioni relative alla violazione della privacy, o anche solo denunce al garante, ma dei molti che si afferma essersi uniti e poi aver cessato di frequentare la Chiesa negli anni, attualmente solo il sig. Luca Poma - probabilmente, visti i tempi, e tenuto conto di qualche sua utilità concreta, ha chiesto la distruzione dei suoi dati personali. Nel tempo le richieste sono state tre, tutte e tre esaudite. 

Quindi, niente On. Violante, niente Don Ciotti, niente magistrato milanese, niente di niente ma, su una fandonia, la privacy dei fedeli di Scientology, sebbene con un’azione legittima, è stata tristemente violata. Il bello è che i dati personali del sig. Poma, che ha scelto di essere “nemico” e che è fuori dall’associazione da anni, o dell’intervistato, o di altri conosciutissimi anche se scrivono sotto falso nome, non solo non sono stati utilizzati e neppure conosciuti al di fuori delle stanze riservate alla consulenza spirituale dei ministri della Chiesa, ma prima erano al sicuro. 

Ora, vista l’inesistenza del segreto istruttorio, sono fuori controllo e se da tali dati può derivare un danno all’onore o un danno qualsiasi, adesso e da adesso in avanti la Chiesa torinese non può che declinare ogni sua responsabilità. Finora, per certo, nessun danno è stato causato, né può esser ravvisata intenzione, la più vaga, di agire in questa direzione. 

Più analiticamente, il sig. Luca Poma, intervistato come conoscitore della Chiesa, formula una serie di osservazioni che permettono di comunicare finalmente realtà che generalmente non vengono trattate. Osserva il sig. Poma che “all’interno della Chiesa non vengono pubblicati dei bilanci come invece viene fatto in tutte le onlus”. Beh, le associazioni religiose, e in generale quelle di tendenza, non sono per definizione ONLUS e non ne hanno il regime giuridico-fiscale. Tanto precisato, la Chiesa al suo interno approva il bilancio e/o il documento economico tutti gli anni. Non esiste invece un regime od obbligo di pubblicità particolare. E’ quello che fanno la gran parte delle associazioni religiose o confessionali. 

Anche con riferimento alle cosiddette “donazioni” che non sarebbero tali, l’osservazione del sig. Luca Poma permette di chiarire, a parte confusioni terminologiche e cattive traduzioni dall’americano, che nella Chiesa vi sono prezzi, donazioni e contribuzioni.

Sinteticamente:

- I prezzi sono quelli relativi ai libri. Sono prezzi di copertina e secondo il regime fiscale proprio, contengono l’IVA che viene assolta dall’Editore, indicato in epigrafe all’opera, che è una società commerciale;

- Le donazioni sono quelle che non prevedono alcun corrispettivo e sono quelle effettuate all’Associazione Internazionale degli Scientology o per promuovere le campagne della Chiesa o, ultimamente, anche per l’acquisto degli edifici sede delle associazioni;

- Le contribuzioni sono quelle relative all’acquisto dei servizi, soprattutto “auditing”, la consulenza spirituale personale, e il “training”, lo studio delle scritture di Scientology. Sarebbero prezzo se non fosse che sono corrisposte solo da soci per i servizi della Chiesa che, come nella maggioranza delle associazioni di tendenza, sono riservate ai soci e, quindi, le contribuzioni contengono la promozione dello scopo associativo ideale al quale si è aderito. Infatti, sia l'auditing che il training sono extra-commercio. 

Infine i fascicoli. I fascicoli sono elementi costitutivi e necessari del percorso di liberazione spirituale proprio di Scientology. Il percorso sarebbe altrimenti impossibile. Il percorso, che è lungo come tempi, avviene su tre direttive: la prima riguarda l’auditing che ha lo scopo di togliere il peso del peccato e la stanchezza del vivere; la seconda direttiva è il training e cioè una gnosi, la terza è la consapevolezza. E’ quest’ultima la più importante, perché è al suo vertice che si raggiunge la totale libertà spirituale. 

Nei fascicoli c’è la storia individuale di quel percorso, così come in ognuno di essi vi è da parte dell'associato la più completa liberatoria relativa al trattamento dei dati personali sensibili. 

In un mondo nel quale la spiritualità spesso è degradata al numero di
lacrime versate sull’altare o al mero sentimento, la spiritualità proposta da Scientology è, dal 1952, l’esperienza del divino, quella ispiratrice di pace, che, partita dalla riaffermazione dei diritti civili, rivendica gli stessi diritti alle anime degli uomini e esclude che forza inferiore a Dio possa annullarli o sospenderli. 

Dio, l’Infinito, lo Spirito quello che è Unico e nel quale infatti non vi è più individualità e non vi è più diritto o libertà di religione perché vi è solo Libertà. I fascicoli, certo, contengono le miserie umane, ma contengono soprattutto la storia di questa esperienza di liberazione e l’orgoglio di averla intrapresa. 

Per questo tutte le cattive parole finiscono di fronte all’evidenza. Evidenza che è più forte d’ogni argomento e che unica permette la stessa comunicazione, l’evidenza che delle migliaia di fascicoli esistenti nell’associazione, praticamente nessuno chiede la distruzione, neppure quelli che se ne vanno in quel ricambio continuo di fedeli che viene dichiarato. 

Forse anche in questi, nei fuoriusciti, rimane la consapevolezza di quella strada e di quel sogno e di aver fatto almeno qualche cosa nella giusta direzione.

Forse rimane anche la nostalgia. 

Giuseppe Cicogna

Chiesa di Scientology di Torino 
Per maggiori informazioni su Scientology si può consultare il sito www.scientology.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl