sgravi fiscali per chi usa mezzi pubblici

I componenti della IX Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, disponibilissimi, hanno ascoltato e accolto favorevolmente la proposta dell'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici) e Utp (utenti trasporti pubblici) sugli sgravi fiscali per chi utilizza bus, treni e metrò.

Allegati

29/lug/2005 16.25.51 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
Acusp: piace in Parlamento la proposta degli sgravi fiscali per chi utilizza bus e metrò.
 
I componenti della IX Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, disponibilissimi, hanno ascoltato e accolto favorevolmente la proposta dell'Acusp (associazione contribuenti utenti servizi pubblici) e Utp (utenti trasporti pubblici) sugli sgravi fiscali per chi utilizza bus, treni e metrò.
 
Al termine dell'Audizione, tenutasi lo scorso 27 marzo a Roma, sono stati programmati dagli stessi deputati della commissione trasporti incontri anche con i parlamentari della Commissione Finanze, perché si legiferino gli sgravi fiscali, dal momento che "incoraggerebbero i cittadini ad utilizzare per gli spostamenti forme sostenibili, quali il trasporto collettivo".
 
I rappresentanti dell'Acusp, Utp, insieme ai soci dell´Assoutenti e Associazione Familiari e Vittime della Strada al termine dell'Audizione hanno ufficialmente proclamato il 27 marzo "la giornata nazionale dell'utente dei trasporti collettivi"; in questo giorno annualmente sarà fatto il punto sui trasporti collettivi che devono essere di Qualità, rispondenti, cioè, alla formula delle "4E" : bus e treni Efficienti, Efficaci, trasporti Economici e autobus Ecologici. Ma soprattutto, metrò, pullman e stazioni devono essere accessibili a tutti. Da qui l'adesione dell'Acusp e Utp al Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche, presieduto da Giuseppe Trieste.
 
Il presidente dell´Acusp Alfredo Capasso ha illustrato la proposta degli Sgravi fiscali. "Dare, cioè, la possibilità agli utenti di bus e treni di detrarre dalla denuncia dei redditi le spese annuali sostenute per l'acquisto di abbonamenti nominativi a treni, bus, metrò".
"Un modo concreto - ha sostenuto Massimo Ferrari, presidente nazionale dell´Utp - per tutelare gli interessi dei fruitori dei servizi pubblici e di promuovere lo sviluppo dei sistemi di trasporto collettivo a minor impatto ambientale e maggiormente competitivi nei confronti dell´automobile, a cominciare, ovviamente, dalle linee su rotaia ed a trazione elettrica"
Squisitamente tecnici gli interventi (molto apprezzati dalla Commissione. Ndr) di Mario Finzi (Assoutenti) e del professor Gabriele Bariletti (Utp) "sul costo contenuto per l´erario" derivante dall´attuazione degli sgravi fiscali. Efficacissimo, il professor Antonio Lerario, vicepresidente dell´Associazione Familiari e Vittime della Strada, che ha detto "Si" agli abbonamenti agevolati e richiesto la Riforma completa e "non più a pillole" del Codice della Strada. "Riforma indispensabile per fermare la strage che si registra quotidianamente sulle nostre strade". All´Audizione era presente anche il dr Antonio di Gennaro dell´Ufficio Stampa dell´Acusp.
Add FUN to your email - CLICK HERE!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl