buche stradali

L'intervento di Moretto segue la tragedia che si è verificata venerdì scorso al Vomero, con la morte di Addolorata Chincetti, anziana donna vomerese, che ha battuto il capo violentemente per terra dopo aver inciampato su un marciapiede sconnesso.

Allegati

07/ago/2005 12.54.38 associazione acusp Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Buche non riparate consumatori in rivolta «Una carta dei servizi»
Buche stradali, continuano le polemiche per le pessime condizioni dell’asfalto napoletano. Sul piede di guerra sia i cosumatori che le opposizioni in consiglio comunale. Acusp (associazione contribuenti utenti servizio pubblico) e Fisico (federazione italiana per la sicurezza della circolazione stradale) chiedono una carta dei servizi, per regolamentare per legge i diritti degli utenti della strada: automobilisti, ciclisti, pedoni, motociclisti. «Basta con strade maltenute (poca illuminazione, buche, marciapiedi invasi di mille ostacoli, segnaletica stradale orizzontale e verticale insufficiente), che rappresentano un rischio mortale - dice il presidente dell’Acusp Alfredo Capasso - con gli sporadici controlli delle forze dell’ordine». «Ma senza investimenti finanziari - assicura Giuseppe Guccione, presidente di Fisico - non si fanno politiche di sicurezza della strada. E sono già due anni che il governo non finanzia il piano nazionale per la Sicurezza Stradale come sarebbe necessario fare». Infine, le due associazioni promuovono un monitoraggio a Napoli e provincia, per verificare l’attività dei Comuni, che hanno ricevuto finanziamenti dalla Regione Campania, per la sicurezza stradale (segnaletica stradale, illuminazione, viabilità, presenza dei vigili, condizioni del manto stradale). Si muove anche il fronte politico. Vincenzo Moretto, di Alleanza Nazionale, chiede di «istituire una commissione d’inchiesta affinchè si accerti se il modo di assegnazione dei lavori stradali sia sempre stato regolare e chi controlla che i lavori siano stati eseguiti a regola d'arte». L’intervento di Moretto segue la tragedia che si è verificata venerdì scorso al Vomero, con la morte di Addolorata Chincetti, anziana donna vomerese, che ha battuto il capo violentemente per terra dopo aver inciampato su un marciapiede sconnesso. Secondo Moretto, «è assolutamente necessario avviare un’indagine ispettiva che riguardi tutti i lavori che sono stati affidati nell’ultimo biennio da parte di tutte le circoscrizioni cittadine, perchè le circoscrizioni lamentano che non ci sono ditte per effettuare i lavori ed anche al fine di controllare il perchè le ditte che vincono i lavori di somma urgenza rinunciano ad effettuare i lavori, rinunciando così a denaro certo». Intanto da questa mattina partiranno i lavori di manutenzione straordinaria di via Arcoleo. Bus e taxi verrranno deviati su via Partenope, mentre i tram continueranno regolarmente il percorso. c. t.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl