In ricordo degli italiani morti durante la guerra civile americana

14/gen/2011 15.49.58 associazione euromediterranea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Quest’anno oltre a ricorrere i 150 anni della proclamazione del Regno d’Italia
, ricadono i 150 anni della Guerra Civile Americana (o guerra degli Stati ) che
vide contrapposti l’Unione agli Stati Confederati d’America. Proprio a meno di
un mese dalla proclamazione del Regno d’Italia , dall’altra parte dell’oceano
l’ 11 Febbraio 1861 a Mongomery in Alabama , i rappresentanti dei sette stati (
Alamabama, Florida, Gerogia, Luisiana, Missisisipi, Carolina del Sud e Texas)
che , seguendo i principi costituzionali avevano sancito , tramite il voto dei
rispettivi parlamenti l’uscita dall’Unione ,si incontrarono per dare vita agli
Stati Confederati d’America. Di quell’atto cosi, importante per la storia non
solo americana ma, potremmo dire globale, l’opinione pubblica europea non
comprese l’imporantaza, come altrettanto non comprese il portato, sul piano
della storia militare della successiva guerra che avrebbe dilaniato il nord
america fino alla pace di Appomattox Courthouse del 9 Aprile 1865.

Un guerra moderna , e che avrebbe rigenerato la nazione americana, infatti
dopo quel conflitto nulla sarebbe stato più uguale ed una nuova nazione sarebbe
nata. Il vecchio mondo , fatto dei valori della tradizione, dell’ onore e della
potenza agricola e del protezionismo economico cedeva il posto alla nuova
America, dove il senso di sacrificio si incarnava nei valori dell’economia del
libero mercato e dell’industria. Dalle ceneri della guerra civile nasceva una
nuova Nazione , tollerante, laica e pronta ad accogliere quanti dall’Europa
volevano creare oltre oceano il loro nuovo sogno.

A 150 anni dall’inizio della guerra civile americana e nel contesto dell’anno
giubilare italiano,
vogliamo però rendere omaggio ai tanti reduci del risorgimento italiano che,
dopo aver contribuito al processo di unificazione della nostra penisola
accorsero a combattere nelle fila dell’esercito unionista, e al contempo
rendere onore ai tanti soldati dell’esercito del Regno delle Due Sicilie che
dopo aver combattuto con lealtà per il proprio Sovrano e per il proprio Stato
si distinsero, con le stesse doti nelle fila dell’esercito confederato.

Questo atto di ricordo vuole essere anche un momento di vera pacificazione
nazionale ricordando, nell’anno dell’unità nazionale, sia l’importanza dell’
amicizia che lega l’Italia agli Stati Uniti d’America sia gli italiani che
durante le guerre per l’unità nazionale hanno combattuto con onore e lealtà sui
diversi fronti ed al servizio dei diversi stati che componevano la penisola, e
che da avversari sui campi di battaglia si sono riconosciuti tutti fratelli e
figli di una stessa Patria dopo l’avvenuta unità.

Dott Marco Baratto
Mulazzano - Lodi -


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl