Liotto: Aversa “una città da “Mangiare”

09/feb/2011 09.07.09 New Dreams associazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Tante notizie negative, rivolte ad un territorio e a una città Aversa. Negli ultimi tempi sembra ci sia un accanimento mediatico, a diffondere notizie senza alcun fondamento e a bistrattare un’intera comunità, additando tutti coloro che vivono ad Aversa e nell’Agro, “ a gente senza morale etc.” Per questo la New Dreams di Donato Liotto, ha voluto attraverso questo comunicato, ricordare a chi Aversa non la conosce e non ci è mai stato, che non bisogna mai fare di tutta l’erba un fascio. Sono molto di più gli aspetti positivi di una città che senz’altro ha problemi, ma che comunque, non è da meno di tante altre realtà. Ma purtroppo basta una notizia, una bufala, e tutto diventa negativo. Il brano che potete leggere di seguito, è stato pubblicato lo scorso anno nella guida "Aversa città d'Arte" col patrocinio dell'Assessorato alla cultura, un omaggio della New Dreams ad Aversa e ai suoi monumenti e ai tanti che con impegno attraverso la cucina diffondono e promuovono il nostro territorio. Tanto bistrattato da chi magari non cè mai venuto. Noi possiamo solo fare un invito: Venite ad Aversa..nun sapite che vi perdete! Potete leggere su:www.associazionenewdreams.it e se vorrete sul portale dell'associazione lasciare consigli e suggerimenti e segnalazioni sulle bellezze e sulle cose davvero positive del nostro territorio.Credeteci..ne sono davvero tante! “Aversa vista da un punto di vista diciamo “diverso” dal solito.Vogliamo parlarvi della grande tradizione culinaria della cucina “nostrana aversana”. Quindi ,quando si parla di storia, di rimando si può ben configurare anche questo argomento inserendolo a “piè titolo” nella cultura della città di Aversa.Gli occhi si riempiono nel guardare ed ammirare i tanti monumenti presenti in città..ma dopo tanto camminare una sosta per riposare un po’ ci stà davvero bene.Allora dobbiamo approfittare anche di questo aspetto che senz’altro primeggia nel contesto cittadino visto i tanti locali e trattorie storiche in esso presenti.Quindi diciamo “Bando alle ciance..e riempiamoci le pancie”. Certo, si può iniziare con una buona mozzarella aversana “L’Oro bianco di Aversa” accompagnandola con dei pomodorini conditi solo con olio e origano..”na prelibatezza!” Poi passiamo ai primi: “O’ scarparielle” pasta locale piatto semplice e povero..ma davvero buonissimo pieno di parmiggiano e peperoncino accompagnato da un vino rosso locale “E’ a morta soja!!”.Oppure si può scegliere: Paste è fasule con il pane e con le cotiche, pasta al ragù con braciole, e se proprio volete cambiare da terra a mare..nu piatte cù è linguine e frutti di mare dal sapore afrodisiaco..tanto da annoverarlo negli annali storici dei palati fini.Bene! Passiamo ai secondi: Una bistecca ai ferri, salsiccia e friarielli, polpette,carciofi alla brace, puparuole do ciumme,n’salata capricciose, e si proprio vè và: “Pupaccelle aversane” forte e piccante..,si potrebbe aggiungere altro..meglio fermarci qua.Aggiungete per concludere non può certo mancare il “dolce tipico aversano” La polacca, e aggiungiamo pure nù babbà! Di piatti della tradizione aversana cè ne sono in quantità.Bisogna solo sapere i posti giusti e statene certi, nella città delle cento chiese troverete anche e riscontrerete che forse Aversa è anche la culla e la città dei “cento ristoranti.”In ogni locale troverete ciò che vorrete la tradizione della cucina nostrana è rimasta intatta proprio come si cucinava nei “tempi antichi” sul braciere o sul camino, non poteva mancare questa segnalazione che va ad arricchire un percorso misto per l’appunto “fuso” tra storia, cultura, e alle tradizioni di una città che non è eufemismo definire “davvero senza eguali”.

                                                                                                 Donato Liotto

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl