LA COSTITUZIONE TRADITA

LA COSTITUZIONE TRADITA LA COSTITUZIONE TRADITA L'art. 11 della Cost. afferma: "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali".

07/set/2005 00.46.04 comitato per la salvaguardia della cultura europea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
LA COSTITUZIONE TRADITA L'art. 11 della Cost. afferma : "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali".

Ripudia significa... che al nostro popolo la guerra... fa schifo!

Precisamente ci sono due azioni ripudiate:

- la guerra di aggressione;

- la guerra per risolvere controversie tra Stati.

Quanto al primo punto l'analogia con la legittima difesa è più che mai legittimo e si perdoni l'allitterazione.

La legittima difesa è valida a scriminare i delitti quando la reazione è proporzionata all'azione ed è immediata.

Nel nostro caso non c'è proporzione tra il male che si è subito e quello che si arreca. Manca cioè la proporzione tra il vile attentato alle torri compiuto da una banda di criminali e l'attacco ad interi popoli, quello afghano e quello iracheno.

Inoltre la reazione alla strage americana non è stata immediata ma meditata, preparata e poi sferrata.

Ergo la legittima difesa non è invocabile perché non ne ricorrono i principi, passandosi con la reazione spropositata e dilatata nel tempo dalla possibile ragione al sicuro torto.

Quanto alla controversia tra Stati affinché essa insorga è prima di tutto necessario appurare il punto su cui controvertere. Orbene, prove o non prove, nessun giudice americano o di altro paese ha mai fatto il processo a Osama Bin Laden attribuendogli la responsabilità specifica e non solo per simpateia dei fatti di New York.

In ogni caso la risoluzione della controversia era da demandarsi ad altri sistemi(intelligence, sanzioni economiche e produttive etc.)da attuarsi con calma e metodo. Se c'era la possibilità di agire in quel modo, e c'era, bisognava adeguarsi perché questi sono i principi del nuovo mondo democratico che ripudia la giustizia sommaria dell'occhio per occhio... dente per... un'intera dentiera.

Insomma la guerra è ammessa in una situazione realmente agonica ma non si può andare ad attaccare un intero popolo perché nasconde terroristi. E' come sconfiggere la mafia bombardando e massacrando la Sicilia e i siciliani.

Rispondere al terrorismo con una guerra che uccide anche un solo bambino è rispondere a barbarie con barbarie, è atto da altissimo medioevo. Promettere di ridurre ai minimi i danni alla popolazione civile avversa è pura demagogia e non comporta nemmeno la concessione delle attenuanti generiche.

D'altra parte l'art. 11 della Cost. porta avanti un principio pacifista che lo Stato Italiano ha acquisito sulla scia di autorevoli precedenti come la Costituzione Francese del 1791. Noi stiamo ancora combattendo per la Rivoluzione Francese, qui, come soldati pacifici e disarmati, perché non vogliamo la guerra e i signori della guerra, opponendo loro solo i nostri corpi, la nostra fratellanza e la nostra intelligenza.

L'Italia con questo principio dell'art. 11 si è definito "Stato pacifico" requisito fondamentale per entrare a far parte delle Nazioni Unite che ammettono nel loro ambito solo gli stati "amanti della pace".

Entrando in questa guerra per catturare i terroristi l'Italia ha tradito la Costituzione; entrando in guerra gli occidentali - Nato o Non Nato (quanto ognuno di noi vorrebbe a tal punto non essere in questo mondo mai...Nato) - hanno tradito la Carta ineluttabilmente pacifista delle Nazioni Unite attaccando un intero popolo inerme per catturare una banda di masnadieri.


Comitato per la salvaguardia della Cultura Europea












____________________________________________________________
6X velocizzare la tua navigazione a 56k? 6X Web Accelerator di Libero!
Scaricalo su INTERNET GRATIS 6X http://www.libero.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl