VETERINAR UN MICROCHIP NELLA GIORNATA MONDIALE DEL GATTO

17 FEBBRAIO 2011 GIORNATA MONDIALE DEL GATTO NEL TERZO MILLENNIO SOLO GATTI CON IL MICROCHIP Invito dei medici veterinari dell'ANMVI all'identificazione volontaria e alla registrazione in www.anagrafenazionalefelina.it (Cremona, 17 febbraio 2011) - Nella giornata mondiale del gatto che si celebra oggi, il messaggio dei medici veterinari italiani è chiaro: per sfatare luoghi comuni e pregiudizi medievali bisogna portare il gatto nel terzo millennio e per farlo si comincia dal microchip.

17/feb/2011 13.34.15 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

17 FEBBRAIO 2011 GIORNATA MONDIALE DEL GATTO

NEL TERZO MILLENNIO SOLO GATTI CON IL MICROCHIP

Invito dei medici veterinari dell’ANMVI all’identificazione volontaria e alla registrazione in www.anagrafenazionalefelina.it

 

 

(Cremona, 17 febbraio 2011) - Nella giornata mondiale del gatto che si celebra oggi, il messaggio dei medici veterinari italiani è chiaro: per sfatare luoghi comuni e pregiudizi medievali bisogna portare il gatto nel terzo millennio e per farlo si comincia dal microchip.

 

“Censire i gatti attraverso l’identificazione elettronica cane - dichiara Marco Melosi, Vice Presidente ANMVI per il settore degli animali da compagnia, responsabile dell’Anagrafe Nazionale Felina www.ananagrafenazionalefelina.it- non è solo una questione di tracciabilità, ma anche di prevenzione veterinaria e salute pubblica. Il gatto è soggetto a smarrimento e ad abbandono quanto il più famoso cane, ma è molto più difficile riconoscerlo anche al suo stesso proprietario una volta collocato in colonia a seguito di rinvenimento. Inoltre- conclude Melosi-  essendo un animale soggetto a rabbia e a politiche di contenimento del randagismo -una precisa dinamica demografica favorirebbe il controllo della riproduzione indesiderata e la tutela della salute pubblica da zoonosi importanti”.

 

Oggi l’identificazione elettronica è obbligatoria solo per il cane, mentre per il gatto - che si avvia a diventare il primo animale da compagnia degli italiani-  non esiste analoga precauzione. L’Unione Europea la richiede per gli animali che viaggiano all’estero, ma sul territorio nazionale milioni di gatti sono ancora sprovvisti di microchip. Per incoraggiare l’identificazione volontaria ANMVI e Frontline Education Program hanno lanciato ad ottobre del 2010 la banca dati www.anagrafenazionalefelina.it, che oggi conta 3.500 medici veterinari impegnati a dare al gatto pieno diritto di cittadinanza tramite la sua registrazione anagrafica.

 

E’ importante- conclude Melosi- superare il pregiudizio che vuole il gatto con 7 vite. Va curato  e seguito da proprietari e veterinari  costantemente, sconfiggendo i luoghi comuni che persistono nel Terzo Millennio”.

 

Ufficio Stampa ANMVI

0372/40.35.47

www.anagrafenazionalefelina.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl